Keystone / DPA
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
10 ore
Nasconde l'Hiv e contagia quattro donne: morta l'ex compagna
PARAGUAY
11 ore
Bruciano le foreste del Paraguay, il Wwf: «È emergenza nazionale»
SVIZZERA
11 ore
La Banca dei regolamenti internazionali sta “torchiando” la criptovaluta di Facebook
LUSSEMBURGO
12 ore
Brexit: «Una nuova estensione solo se ha uno scopo»
STATI UNITI
12 ore
Tour di Michelle Obama: biglietti fino a 4'200 dollari
FRANCIA
13 ore
L'ambiente diventa la prima preoccupazione dei francesi
TUNISIA
13 ore
Presidenziali tunisine: possibile ballottaggio Saied-Karoui
COREA DEL NORD
13 ore
Kim ha scritto una lettera a Trump
IRAN
14 ore
Teheran sequestra una nave emiratina nello Stretto di Hormuz
UNIONE EUROPEA
14 ore
Johnson: «Non chiederò un'estensione, la Brexit resta il 31 ottobre»
STATI UNITI
14 ore
L'attacco ai pozzi sauditi? Arrivava dall'Iran o dall'Iraq, lo dimostrerebbero delle foto
PARIGI
16 ore
Edward Snowden: «La prego Macron mi conceda l'asilo"
ROMA
17 ore
Estorsioni e violenze, arrestati i capi ultrà della Juve
TELEFONIA
17 ore
Ma quale tramonto per Apple, la domanda di iPhone è superiore alle attese
FRANCIA / SIRIA
17 ore
Le famiglie dei jihadisti francesi accusano Parigi di omissione di soccorso
GERMANIA
17.02.2019 - 14:030

«La gente ha sempre paura quando la politica cambia»

L'uscita degli Usa dalla Siria sarà «progressiva e regolata», garantisce l'ambasciatore e rappresentante speciale James Jeffrey

MONACO - «Non è un'uscita ex abrupto, ma una uscita progressiva e regolata. La gente ha sempre paura quando la politica cambia. E gli Usa sono naturalmente un attore importante». Lo ha detto a Monaco James Jeffrey, ambasciatore e rappresentante speciale per la Siria del dipartimento di Stato Usa.

Al panel sul conflitto siriano ha partecipato anche il viceministro degli Esteri russo Sergey V. Vershinin, secondo il quale «ci sono molti progressi in Siria. La situazione è più stabile, anche se in alcune regioni ci sono ancora attività terroristiche».

«Un problema chiave è mantenere e rispettare la integrità della Siria, che deve restare sovrana e indipendente. Se riusciamo a fare questo, il problema della sicurezza può essere risolto". "Noi sosteniamo il dialogo fra Damasco e curdi: i curdi sono una parte della Siria», ha aggiunto. «Per la Turchia resta il problema della sicurezza delle frontiere», ha affermato dal suo canto il ministro della difesa nazionale turca Hulusi Akar, che ha sottolineato che la Siria non è in grado di eliminare il terrorismo da sola e «quindi lo facciamo insieme».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:16:46 | 91.208.130.89