Keystone
REGNO UNITO
07.12.2018 - 13:040

Brexit: May apre, ma i falchi non sono convinti

La premier britannica ha promesso un ruolo di controllo al parlamento sull'eventuale attivazione del "backstop"

LONDRA - Non sembra far breccia tra i falchi della maggioranza (Tory brexiteers ultrà e alleati unionisti nordirlandesi del Dup) la promessa fatta ieri dalla premier della Gran Bretagna Theresa May di garantire un "ruolo" di controllo al parlamento britannico sull'ipotetica attivazione futura del "backstop": il contestato meccanismo di garanzia preteso dall'Ue a tutela del confine aperto fra Irlanda e Irlanda del Nord invocato dai ribelli come una delle ragioni chiavi del loro no alla ratifica dell'accordo sulla Brexit raggiunto dalla premier con Bruxelles.

L'offerta della May è stata recepita in un emendamento destinato a essere presentato in aula entro lunedì da alcuni deputati lealisti, riporta oggi la Bbc. Ma Steve Baker, ex viceministro per la Brexit e portavoce degli euroscettici Tory più radicali, ha già fatto sapere che si tratta di una mossa disperata e che non basta.

Mentre la leader del Dup, Arlene Foster, ha ribadito il voto contrario dei suoi all'accordo May, affermando che «un emendamento alla legislazione nazionale non può cancellare il peso vincolante di un trattato internazionale» a suo dire «difettoso» e potenzialmente pericoloso per i legami futuri fra Irlanda del Nord e resto del Regno Unito.

Commenti
 
LAMIA 2 gior fa su tio
Saggiatore medita ma non raccontare cazzate
il saggiatore 3 gior fa su tio
Non sono certo un fan dell'UE. Tuttavia, mi chiedo se quelli che, all'intero del Parlamento britannico, di sinistra e di destra, intendono votare "no" all'accordo con l'UE sono consapevoli delle conseguenze (ormai certe e non solo probabili) per il Regno Unito, dovesse prevalere il "no"... La May (che credevo un'incapace, ma devo completamente ricredermi) è riuscita in un'impresa eccezionale: eliminare la libera circolazione delle persone tra Regno Unito e UE, senza rinunciare - almeno per ora - alle altre libertà fondamentali dell'UE (il che è poi quello che vorrebbe anche la Svizzera)... E quegli imbecilli di Westminister, per ragioni ideologiche (è davvero così importante il confine Irlanda del Nord - Eire?) stanno seriamente per gettare tutto al vento... Incomprensibile.
Summerer 3 gior fa su tio
@il saggiatore Non so da dove lei venga. Qui non si tratta di "ideologia". Ma di realtà. Lei parla di frontiera come un'ideologia. Beh, non è cosi. E' come se domani l'Italia estende il suo fino al Gottardo, includendo il Ticino. Oppure la Tunisia, lo estende sulla Sicilia. Chiamare "imbecilli" i politici Inglese, denota il suo livello culturale...
lo spiaggiato 3 gior fa su tio
@Summerer Beh, da noi l'Itaglia arriva già fino al monte Ceneri... :-)))))
Tags
may
brexit
falchi
premier
irlanda
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-10 21:26:38 | 91.208.130.86