Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
1 ora
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
1 ora
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
Haiti
1 ora
17 milioni per i 17 americani rapiti
Tra le vittime del rapimento, anche cinque bambini. Il più piccolo ha due anni
AUSTRALIA
2 ore
Bambina di quattro anni scompare durante un campeggio
I genitori hanno lanciato l'allarme al risveglio, quando non l'hanno trovata nella tenda
STATI UNITI
2 ore
La morte di Powell fa il pieno ai "no vax"
L'ex Segretario di Stato americano è morto per complicazioni da Covid-19. Una prova che il vaccino non funziona? No.
STATI UNITI
4 ore
Quelle email inappropriate che Bill Gates mandava a una dipendente
Lo scambio datato 2008 getta nuova luce sulle sue dimissioni, avvenute forse sotto pressione di Microsoft stessa
LE FOTO
ISRAELE
5 ore
Quel che resta di una crociata... 900 anni dopo
Interessante reperto vicino alla cittadina israeliana di Haifa, verrà ora restaurata ed esposta
STATI UNITI
5 ore
La statua di Jefferson rimossa dalla Sala del Consiglio di New York
Lo ha deciso il Consiglio che ha approvato all'unanimità la proposta di una giunta di consiglieri di colore
COREA DEL NORD
7 ore
La Corea del Nord ha lanciato un missile in direzione del Giappone
L'arma balistica è stata sparata questa mattina all'alba e si è inabissata nel Mar Orientale senza fare danni
MONDO
9 ore
Troppa disinformazione «per fare scelte consapevoli riguardo alla propria salute»
Amnesty International attacca i Governi e le aziende di social media: «Fermate l'attacco alla libertà d'espressione»
REGNO UNITO
13.11.2018 - 16:280
Aggiornamento : 17:29

«Per l'accordo Ue, poche ma cruciali questioni da risolvere»

Lo ha dichiarato una fiduciosa Theresa May al consiglio dei ministri britannico. La tv irlandese evoca una bozza d'intesa sul confine

LONDRA - Resta «un piccolo numero di questioni cruciali» da risolvere per arrivare a un accordo di divorzio con l'Ue nel negoziato sulla Brexit. Lo precisa Downing Street sintetizzando le indicazioni date oggi al consiglio dei ministri dalla premier Theresa May.

Il ministro Liam Fox ha evocato discussioni ancora "difficili" con Bruxelles sul confine irlandese. Mentre il governo Tory è stato costretto a promettere ai Comuni, su pressione dell'opposizione, la pubblicazione del parere dei suoi uffici legali sulle soluzioni sul tavolo.

In precedenza, fonti del governo di Londra avevano comunque parlato di spiragli di «ottimismo da entrambe le parti» al termine dell'ultima sessione negoziale.

La Bbc, da parte sua, indica «un solo significativo ostacolo» rimasto sul tavolo: la questione della possibile permanenza temporanea dell'intero Regno nell'unione doganale per assicurare il mantenimento di un confine senza barriere fra Irlanda e Irlanda del Nord e del cosiddetto backstop: il meccanismo di salvaguardia chiesto dall'Ue per garantire che questa soluzione resti in vigore sine die fino alla definizione di un successivo accordo complessivo sulle relazioni future post Brexit, ma a cui May vorrebbe imporre un termine prefissato.

Braccio di ferro che il falco Boris Johnson liquida peraltro come "teatro". «Nessuno si faccia prendere in giro - twitta - il rinvio è una messa in scena. L'accordo sarà raggiunto e sarà una resa del Regno Unito, che resterà nell'unione doganale e sotto le regole di Bruxelles» a tempo indeterminato. «La gente - polemizza Johnson - ha votato per la Brexit, non per avere uno status da colonia».

In vista della Brexit, inoltre, la Commissione Ue propone di modificare il regolamento sui visti. Questo significa che quando il diritto dell'Ue non si applicherà più nel Regno Unito, in caso di mancato accordo o alla fine del periodo di transizione, i cittadini britannici verranno esentati dall'obbligo del visto per permanenze brevi nell'Unione.

Secondo la proposta, i cittadini del Regno Unito non avranno bisogno di un visto quando si recheranno nello spazio Schengen, per brevi soggiorni, fino a 90 giorni, in un periodo di sei mesi.

La proposta ora dovrà essere adottata da Eurocamera e Consiglio europeo. La Commissione invita entrambe le istituzioni a compiere rapidi progressi sull'iniziativa, affinché possa essere adottata in tempo utile, prima del 30 marzo 2019.

Lo ha annunciato il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans, chiarendo che l'iniziativa è subordinata al fatto che il Regno Unito faccia altrettanto con cittadini Ue. Nella conferenza stampa al termine della riunione dei commissari europei, annunciando la pubblicazione di informazioni dettagliate, Timmermans ha poi aggiunto: «La Commissione europea ha intensificato il lavoro di preparazione per la Brexit, ed ha delineato un piano d'azione di emergenza in caso di mancato accordo col Regno Unito».

La tv irlandese evoca una bozza d'intesa sul confine - Una bozza d'intesa tecnica fra i negoziatori di Ue e Regno Unito per superare l'impasse relativa al mantenimento post Brexit di un confine aperto fra Irlanda e Irlanda del Nord è stata definita nelle scorse ore, secondo quanto rivela la tv pubblica irlandese Rte.

Il testo è ora all'esame di Downing Street, precisa l'emittente, citando fonti secondo le quali sembra poter essere la quadratura del cerchio. Le fonti notano tuttavia che non è ancora corretto dire che «negoziato sia stato chiuso».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 2 anni fa su tio
Evvai, la piovra non molla. GB se ti è rimasto un po’ d’orgoglio dopo la seconda guerra mondiale, alzati e cammina ! Brexit vuol dire addio dittatura UE. Non fate la fine di Norvegia e Svizzera che hanno sottoscritto accordi unilaterali per vendere qualche sardina e qualche supposta in più, tradendo l’indipendenza del loro popolo.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 15:18:09 | 91.208.130.89