Keystone / AP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
VIDEO
ITALIA
4 min
Giuseppe Conte si è dimesso
Il premier ha rimesso l'incarico nelle mani del Presidente della Repubblica Mattarella.
MONDO
13 min
Scoperta una falla in TikTok
«Consente di bypassare le protezioni sulla privacy create per difendere gli utenti dell'app» spiegano alcuni ricercatori
SVEZIA
49 min
La Svezia ha sospeso i pagamenti del vaccino a Pfizer
Sei dosi invece che cinque da ogni fiala? Addebitata quella aggiuntiva. «È inaccettabile»
MONDO
1 ora
«Dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi aziende digitali»
La presidente della Commissione Ue von der Leyen chiedono sia trasparenza sugli algoritmi e sui contenuti
GERMANIA
1 ora
Diversi accoltellati a Francoforte
«Il pericolo è cessato» scrive la polizia sui social, ma ci sarebbero tre feriti in condizioni molto gravi
FRANCIA
1 ora
Un serial killer di bambini tedesco verrà processato anche in Francia
Martin Ney, già condannato per 3 infanticidi, è accusato dell'assassino del piccolo Jonathan avvenuto in Bretagna
FOTO
PAESI BASSI
2 ore
Contro il coprifuoco: un'altra notte di scontri e arresti
Proteste, vandalismi e saccheggi. Manette ai polsi di oltre 180 persone
ETIOPIA
2 ore
Nel Tigrai sono state uccise centinaia di persone
Scenario drammatico nella regione più settentrionale dell'Etiopia: nessuno conosce il numero esatto delle vittime
GERMANIA
3 ore
AstraZeneca, il dato sulla scarsa efficacia del vaccino per gli over-65 «è sbagliato»
In Gran Bretagna questa fascia della popolazione è stata vaccinata senza aggiustamento della dose
MONDO
3 ore
Covid, un anno dopo siamo a 100 milioni di casi
Il direttore dell'Oms: «Dobbiamo essere determinati a salvare vite e a prenderci cura di noi stessi e degli altri»
ITALIA
4 ore
Conte si dimette: un addio o un arrivederci?
Il "premier" italiano salirà questa mattina al Colle. E dopo cosa accade? Ecco gli scenari
UNIONE EUROPEA
24.06.2018 - 15:350
Aggiornamento : 16:55

Migranti, le proposte del mini-summit

Macron: «Non ci dimentichiamo chi siamo e da dove veniamo». La proposta italiana: «Superare il criterio del Paese di primo arrivo»

BRUXELLES - «Questa deve essere una riunione utile per arrivare a mediazioni, per arrivare a prendere delle decisioni». Così il premier belga Charles Michel al suo arrivo al minivertice convocato a Bruxelles dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che ha indicato gli elementi più importanti sul tavolo.

«La prima priorità - ha detto - se vogliamo salvaguardare la libera circolazione all'interno dell'area Schengen, è quello di avere un controllo forte alle frontiere esterne europee. La seconda priorità è andare a fondo su questi hotspot» nei Paesi terzi «per vedere come funzionano sotto il profilo del diritto internazionale». E la terza priorità è che «Dublino possa essere riformata, in modo tale che si possa coniugare responsabilità e solidarietà».

La soluzione secondo Macron - «Non ci dimentichiamo mai chi siamo e da dove veniamo, non ci dimentichiamo mai i nostri principi e i nostri valori e su questo punto sono irremovibile», e cerchiamo «l'efficacia» nelle soluzioni «perché siamo garanti della coesione dei nostri popoli». Così il presidente francese Emmanuel Macron, arrivando al minisummit a Bruxelles.

«Dobbiamo trovare una soluzione europea sui migranti e si costruirà solo attraverso la cooperazione dei Paesi dell'Ue, che si tratti di una collaborazione a 28 o tra più Stati che decidono di andare avanti assieme. Questo richiede la responsabilità di ciascuno e spirito di solidarietà per condividere il peso che alcuni Paesi conoscono» ha aggiunto Macron.

Merkel, accordi bi-trilaterali - «Oggi è un incontro molto importante» per trovare «accordi bilaterali e trilaterali» sul tema della migrazione, «l'aspettativa è che si possa trovare una soluzione comune in questi giorni», in vista del vertice europeo di giovedì. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel. «Sappiamo che non esiste ancora una soluzione europea, quindi si tratta di trovare accordi bilaterali, di come possiamo aiutarci a vicenda e trattarci reciprocamente in modo equo e onesto», ha sottolineato Merkel.

Niente muri in mare - «Non credo che ci sia una sola soluzione» al problema migranti, «non credo che alzare un muro anche in alto mare sia una soluzione, ma credo che un approccio omnicomprensivo possa essere quello di cui abbiamo bisogno». Così il premier maltese Joseph Muscat.

La proposta italiana - «Superare il criterio del Paese di primo arrivo: chi sbarca in Italia, sbarca in Europa». È uno dei dieci obiettivi della proposta italiana che il premier Giuseppe Conte sta presentando in questi minuti al vertice informale tra 16 Paesi Ue sulla crisi dei migranti.

«Centri di protezione internazionali nei Paesi di transito» e «intensificazione dei rapporti tra Ue e Paesi terzi»: sono i primi due obiettivi della proposta italiana che Conte sta esponendo. Secondo quanto si apprende da fonti del Governo italiano, Conte è stato il primo a prendere la parola durante il vertice informale a Bruxelles, per presentare la proposta italiana ai colleghi.

Centri di accoglienza in più Paesi europei e non solo in Italia o Spagna. È questo l'ottavo punto della proposta italiana secondo la quale - si apprende da fonti del governo - nel momento in cui, nonostante il primo filtro posto in Africa, i migranti riescano ad arrivare sulle coste italiane, a farsene carico non può essere solo l'Italia o la Spagna. Il meccanismo, spiegano le stesse fonti, prevede quindi una ripartizione obbligatoria di chi sbarca in maniera illegale sulle coste meridionali europee.

Nella sintesi della proposta italiana diffusa dal governo - spiegano fonti dell'esecutivo - al punto otto c'è un errore in quanto si denominano i centri di accoglienza da istituire «centri di protezione», che invece sono quelli previsti, nel documento, nei Paesi di transito in Africa.

Keystone / EPA
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-26 13:00:16 | 91.208.130.89