keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
23 min
Brexit: primo "sì" dell'Europarlamento all'accordo
L'intesa è stata approvata dalla commissione affari costituzionali. La palla passa ora alla plenaria
MYANMAR
1 ora
L'Onu ordina «misure urgenti» in difesa dei Rohingya
a decisione è stata presa all'unanimità, nell'ambito della causa avviata dal Gambia contro il paese del sudest asiatico
ITALIA
1 ora
Ercolano, trovati i resti del cervello di una vittima dell’eruzione del 79 d.C.
L'eccezionale scoperta è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. I frammenti furono rinvenuti inizialmente negli anni '60
REGNO UNITO / FRANCIA
1 ora
Il virus cinese sarebbe arrivato in Europa: quattro casi sospetti in Scozia
Se fossero confermati, sarebbero i primi nel nostro continente. Due pazienti risultati negativi in Francia: «Ogni Paese europeo è a rischio»
MESSICO
2 ore
Carovana dei migranti: in più di mille entrano in Messico
Hanno approfittato del basso livello delle acque del Rio Suchiate. Si dicono decisi ad arrivare negli Stati Uniti
MONDO
2 ore
La Somalia è il paese più corrotto al mondo
Nella classifica si è piazzata all’ultimo posto su 180 nazioni. La Svizzera invece appena giù dal podio
ITALIA
4 ore
Prendeva a pugni persone a caso: arrestato senzatetto nato in Svizzera
Il 48enne è ritenuto colpevole di una serie di aggressioni avvenute a Milano negli ultimi anni
TURCHIA
5 ore
Sputò sulla pizza: fattorino rischia 18 anni di carcere
A incastrarlo sono state le telecamere di sicurezza del palazzo in cui l'ha consegnata. L'accusa è di avvelenamento
CINA
5 ore
Coronavirus, i morti salgono a 25: Pechino annulla il Capodanno
Sono più di 1400 i casi esaminati dalle autorità sanitarie
ITALIA
19.04.2018 - 23:030

Di Maio gela la Lega: «Non tratto con Berlusconi»

Nuovo punto interrogativo al termine della giornata di consultazioni. Le trattative proseguiranno anche nella notte

ROMA - Finisce con un nuovo punto interrogativo il nuovo round di consultazioni per il governo italiano con il centrodestra e i 5 Stelle, in una giornata sull'ottovolante tra spiragli di accordo e docce fredde.

Il M5s si presenta a palazzo Giustiniani portando al tavolo della trattativa una proposta in grado di far procedere le trattative: la disponibilità ad avviare un governo che abbia un appoggio esterno di Forza Italia e Fratelli d'Italia su un programma concordato tra Lega e 5 Stelle. Ma per il resto Luigi Di Maio alza le mani: «Se poi mi si chiede di sedermi a un tavolo con tre forze politiche per concordare un programma di governo e personalità che vengono dalle singole forze politiche voi capirete che è molto complicato per noi digerire questo scenario».

Tantomeno se questo scenario dovesse prevedere un suo passo indietro, la condizione posta dagli azzurri per sostenere questa nuova ipotesi di accordo. «E' evidente che un governo a guida M5S non credo che potrebbe avere l'appoggio né esterno, né interno, di Forza Italia o di Fratelli d'Italia» lo gela infatti il braccio destro del Cav, Giovanni Toti che apre invece ad «un governo a guida di un nostro alleato come la Lega». Non bastasse, la replica ufficiale degli azzurri è ancora più gelida: «il supplemento di veto pronunciato dal Movimento 5 Stelle dimostra, al di là di ogni ragionevole dubbio, il rifiuto di formare un governo. Si tratta dell'ennesima prova di immaturità consumata a danno degli italiani».

Una doccia fredda che arriva sul capo dello stesso Matteo Salvini che oggi sperava in un passo avanti del Movimento. «Ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio» aveva annunciato lasciando palazzo Giustiniani il capo dei lumbard dove era andato prima della delegazione M5s per il nuovo round di consultazioni con tutti i leader del centrodestra uniti. Un segnale di vicinanza al Cavaliere, ricambiato da un atteggiamento composto del leader azzurro che questa volta ha stretto i denti e si è imposto di non fare alcun commento.

Ma l'ottimismo di Salvini ha dovuto fare i conti con il rinnovarsi di veti incrociati. «Noi faremo di tutto per avere un governo ma gli italiani hanno scelto di premiare l'interno centrodestra, non solo la Lega. Non è che il governo lo fai solo con la Lega» avverte Salvini dopo aver ascoltato le parole di Di Maio. Ma soprattutto lancia il suo altolà: «non vorrei che qualcuno non avesse la stessa voglia di far partire un governo subito, da tutte le parti. Secondo me c'è qualcuno che tifa a far saltare un accordo politico per inventarsi l'ennesimo governo tecnico che poi spenna gli italiani, a questo la Lega non sarà mai disponibile».

Sembra una indiretta 'tirata di orecchie' agli azzurri, condita da un altro avvertimento: «pur di non perdere altro tempo mi metto in campo direttamente io. Non mi interessano giochini o logiche politiche. E poi o la va o la spacca». Lui, assicura, sta cercando di «mettere d'accordo tutti, ma se non si muove nulla il governo lo metto in piedi io. E se non ce la facciamo - mette in chiaro - si va alle urne».

Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-23 18:09:30 | 91.208.130.86