Keystone
SPAGNA
06.03.2018 - 20:580

La Catalogna vota, ma il candidato presidente è in carcere

Jordi Sanchez, 53 anni, il leader indipendentista in detenzione preventiva da 4 mesi, accusato di ribellione per avere organizzato le manifestazioni di Barcellona del 20 settembre

MADRID - Nulla è come altrove nella Catalogna ribelle del dopo dichiarazione (fallita) di indipendenza del 27 ottobre: il parlamento di Barcellona è stato convocato lunedì dal presidente indipendentista Roger Torrent per eleggere il nuovo presidente del governo regionale.

E il solo candidato è un carcerato. Jordi Sanchez, 53 anni, il leader indipendentista in detenzione preventiva da 4 mesi, accusato di ribellione per avere organizzato le manifestazioni di Barcellona del 20 settembre.

È stato eletto al parlamente il 21 dicembre sulla lista JxCat dell'ex-presidente in esilio Carles Puigdemont. Da allora è formalmente il capogruppo, ma dalla sua cella di oto del Real. Torrent, di Erc, la seconda famiglia del fronte indipendentista, ha ufficializzato la candidatura di Sanchez, indicato dallo stesso Puigdemont che mercoledì scorso ha rinunciato alla rielezione bloccato dal veto di Madrid.

I suoi avvocati hanno subito chiesto al tribunale supremo e alla corte costituzionale di Madrid che sia liberato. O che almeno gli venga concesso un permesso per andare sotto scorta e forse in manette al parlamento regionale per presentare il programma e partecipare al voto.

Il fatto che sia ancora in carcere, come gli altri leader indipendentisti Oriol Junqueras, leader di Erc, Joaquim Forn e Jordi Cuixart, tutti accusati di ribellione per avere portato avanti pacificamente il progetto politico dell'indipendenza, suscita critiche crescenti in Spagna e all'estero. Oltre 650 giuristi hanno presentato un ricorso contro la Spagna alla corte europea dei diritti umani. Lo stesso Puigdemont ha denunciato la "deriva autoritaria" dello stato spagnolo davanti alla Commissione dei Diritti dell'Uomo Onu.

Per Sanchez la corsa verso la presidenza è piena di incognite. Non solo perché la sua presenza in aula dipende dai giudici. Ma anche perché il fronte indipendentista, che ha una maggioranza assoluta di 70 seggi su 135 nel parlamento regionale, è diviso. La sinistra della Cup (4 seggi) per ora rifiuta di votare Sanchez, non abbastanza "rotturista" con Madrid, e i due esiliati di Bruxelles, Puigdemont e Toni Comin, non possono votare.

Quindi per ora Sanchez è senza maggioranza. Ma fra JxCat, Erc e Cup, si tratta per cercare di garantirgliela. E se ce la farà, ma dovrà poi tornare in carcere, rimarrà simbolo vivente della spaccatura fra la Catalogna e il potere madrileno.

Tags
sanchez
puigdemont
catalogna
carcere
leader
madrid
presidente
erc
jordi
parlamento
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-21 22:08:28 | 91.208.130.87