keystone-sda.ch / STF (Ben Margot)
STATI UNITI
17.02.2020 - 16:510

Facebook: «Le nuove norme sui social siano chiare e condivise»

Nel giorno in cui Mark Zuckerberg è a Bruxelles, la piattaforma pubblica il suo libro bianco sui contenuti dannosi

MENLO PARK - Sviluppare norme sui contenuti online dannosi che coinvolgano legislatori, aziende private, società civile e utenti, senza mai perdere di vista la libertà di espressione, la tecnologia e la natura globale di Internet. È questo, in sintesi, l'obiettivo del libro bianco pubblicato oggi da Facebook, proprio nel giorno in cui Mark Zuckerberg è a Bruxelles per incontrare tre commissari europei chiave per lo sviluppo del digitale: Margrethe Vestager (concorrenza e digitale), Thierry Breton (mercato interno) e Vera Jourova (trasparenza).

«Se elaborate in modo adeguato, le nuove linee guida per la regolamentazione dei contenuti dannosi online possono contribuire al successo continuativo di Internet attraverso l'elaborazione di modalità chiare, la condivisione di responsabilità e la collaborazione tra governi, aziende e società civile», spiega Monika Bickert, Vice Presidente Content Policy di Facebook.

Il documento pone quattro domande che toccano argomenti chiave del dibattito sulla regolamentazione dei contenuti dannosi online: libertà di espressione, responsabilità delle piattaforme Internet, livello di performance delle aziende e definizione dei contenuti dannosi da proibire online.

Per Facebook, attribuire «responsabilità ai sistemi e alle procedure aziendali per la moderazione dei contenuti è il modo migliore per incentivare le aziende a bilanciare valori come sicurezza, privacy e libertà di espressione».

Inoltre, spiega la piattaforma, «qualsiasi approccio normativo a livello nazionale destinato alla gestione dei contenuti dannosi dovrebbe tenere conto della portata globale di Internet e del valore delle comunicazioni internazionali. Pertanto, aggiunge, tali approcci dovrebbero essere finalizzati ad accrescere l'interoperabilità tra regolatori e regolamenti».

Gli enti regolatori, sottolinea poi Facebook, «dovrebbero avere la consapevolezza delle capacità e dei limiti della tecnologia in materia di moderazione dei contenuti e garantire alle aziende che operano su Internet la flessibilità necessaria all'innovazione. Un approccio che funziona per una piattaforma specifica o per un determinato tipo di contenuto potrebbe essere meno efficace o addirittura controproducente se applicato altrove. Gli enti regolatori dovrebbero considerare la gravità e la diffusione dei contenuti dannosi in questione, la loro natura giuridica e gli sforzi già intrapresi per trattarli», conclude Bickert augurandosi che il libro bianco favorisca ulteriormente il dibattito sulla regolamentazione dei contenuti online.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 mese fa su tio
Non ha però detto cosa/chi viene controllato ed a chi passa le informazioni/dati raccolti, whatsapp incluso....
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 12:14:26 | 91.208.130.89