Keystone
CINA
17.02.2020 - 15:030
Aggiornamento : 15:25

La Toyota ha riavviato la produzione dopo lo stop coronavirus

E ha ripreso anche Honda. Per quanto riguarda Wuhan, importante polo produttivo, non se ne parla prima del 24 febbraio

PECHINO - Le case automobilistiche nipponiche hanno parzialmente ripreso oggi la produzione in Cina, dopo lo stop per il coronavirus: Toyota ha riferito che dei suoi 4 impianti, quelli di Changchun e Guangzhou sono ripartiti.

Per Tianjin e Chengdu, si dovrà attendere fino al 24 febbraio o più tardi. Honda ha riavviato le operazioni nelle tre fabbriche di Guangzhou, pianificando un aumento progressivo della produzione.  Per quello di Wuhan, città focolaio dell'epidemia, l'attesa è per il 24 febbraio o dopo.

In Cina Toyota ha una capacità produttiva di 1,40 milioni di veicoli, pari al 15% del totale. Honda, invece, ha linee di assemblaggio a Guangzhou per un combinato di 600'000 veicoli annui.

L'effetto coronavirus sul settore automobilistico si farà sentire, lo ha confermato anche un recente servizio della CNN, e pure in maniera particolarmente importante durante tutto l'arco del 2020.

Al di là delle fabbriche vere e proprie - come quelle di Toyota, Honda e pure Tesla - sono diverse le aziende europee che dipendono dagli stabilimenti nella Repubblica popolare per quanto riguarda parti e pezzi di ricambio.

 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 12:01:45 | 91.208.130.86