Keystone
Il presidente ha raggiunto Londra per partecipare al summit della Nato.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
58 min
Biden e l'esempio dei Labour: «I pericoli di virare troppo a sinistra»
Il candidato alle presidenziali del 2020 ha lanciato un avvertimento ai suoi rivali Bernie Sanders e Elizabeth Warren
ITALIA
1 ora
Ombre di 'ndrangheta sulle Regionali, si dimette il presidente della Valle d'Aosta
Antonio Fosson ha già ribadito la sua estraneità ai fatti: «Un passo indietro per onorare il senso di responsabilità e la mia dignità»
FOTO
INDIA
2 ore
Bharat Bachao, una marea umana "travolge" Delhi
Quasi 100mila persone hanno partecipato alla manifestazione del partito del Congresso nel centro della capitale
STATI UNITI
4 ore
Mississippi, respinta la legge anti-aborto
La corte di Appello non ha accolto il ricorso presentato dalle autorità statali dopo la bocciatura del 2018
ARGENTINA
6 ore
Buenos Aires dichiara l'emergenza occupazionale
Tasso di disoccupazione al 10,6%. In caso di licenziamento senza giusta causa i lavoratori colpiti avranno diritto a ricevere il doppio dell'indennità
FOTO
ITALIA
7 ore
Neve, vento, gelate e alberi caduti
La furia del maltempo si è abbattuta sull'Italia. Disagi in tutto il Paese
STATI UNITI
8 ore
Le tasse di Trump sotto la lente della Corte Suprema
Per la Casa Bianca un presidente in carica ha il diritto di non svelare le proprie informazioni finanziarie
REGNO UNITO
19 ore
L'altra faccia del Regno Unito, proteste contro Johnson
Diverse centinaia di persone hanno espresso il loro disappunto a Londra e a Glasgow. Tensioni anche con la Polizia
CINA / STATI UNITI
23 ore
L'accordo prevede una rimozione «graduale» dei dazi
La fase uno dell'accordo tra Cina e Stati Uniti ha congelato i dazi che avrebbero dovuto scattare il 15 dicembre. Trump: «Inizieremo immediatamente le trattative per la fase due»
STATI UNITI
03.12.2019 - 07:210
Aggiornamento : 11:23

Trump minaccia l'Europa sui dazi

Il presidente americano punta il dito soprattutto contro la Francia e contro la digital tax che colpisce i big americani sul web. Le Maire risponde: «Minacce inaccettabili»

di Redazione
ats ans

WASHINGTON - Ancora una volta il presidente degli Stati Uniti Donald Trump entra in rotta di collisione con gli alleati europei alla vigilia di un vertice dei leader. E mentre è in volo sull'Air Force One verso Londra, per partecipare al summit della Nato, sgancia la sua bomba: se la Francia va avanti con la digital tax che colpisce i big americani del web - da Google a Facebook passando per Amazon - verrà colpita a partire da gennaio con dazi fino al 100% su beni per un valore di 2,4 miliardi di dollari. Non solo: da Washington fanno sapere che la rappresaglia potrebbe riguardare anche altre capitali che dovessero seguire la strada di Parigi, tra cui Roma.

Il rappresentante Usa al commercio Robert Lighthizer, che ha presentato le conclusioni dell'indagine ordinata dal tycoon, cita insieme all'Italia anche la Turchia e l'Austria. Quanto basta a rendere ancor più rovente del previsto il clima londinese nel quale in realtà si dovrebbero festeggiare i 70 anni dell'Alleanza Atlantica. Un clima reso già teso dalla questione dei finanziamenti alla Nato e dalle pressioni Usa perché gli alleati mollino Huawei per lo sviluppo del 5G. Trump vedrà l'inquilino dell'Eliseo Emmanuel Macron nelle prossime ore, così come dovrebbe incontrare a margine del vertice di Londra il presidente del consiglio italiano Giuseppe Conte. Ripeterà loro che la digital tax viene considerata dagli Usa discriminatoria nei confronti delle società americane e che c'è ancora tempo per poter negoziare e trovare una soluzione in sede Ocse.

Ma i tempi sono stretti, perché una decisione definitiva è attesa entro il 14 gennaio. Poi, senza intesa, dovrebbero scattare contro Parigi i nuovi pesantissimi dazi su champagne, borse e altri beni di lusso. E su quei vini e formaggi già colpiti da dazi al 25% il mese scorso. Così come colpiti da tariffe del 25% sono stati alcuni prodotti del made in Italy, eccellenze come il parmigiano e la mozzarella, in risposta al verdetto del Wto sugli aiuti europei ad Airbus. Una situazione che l'Italia vive come un'ingiustizia e che ha creato qualche tensione anche durante la recente visita alla Casa Bianca del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La digital tax francese prevede un'aliquota del 3% sulle entrate che le società tecnologiche americane incassano in Francia.

La risposta francese - Il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, ha definito oggi «inaccettabili» le minacce americane di sanzioni contro la digital tax ed ha avvertito Washington che l'Ue potrebbe rispondere con forza. «Il semplice progetto, che potrebbe applicarsi entro 30 giorni, di nuove sanzioni contro la Francia, è inaccettabile», ha detto Le Maire ai microfoni di Radio Classique. La Francia, ha detto il ministro, ha preso contatto con la nuova Commissione Ue per «assicurarsi che se ci dovessero essere nuove sanzioni americane, ci sarà certamente una risposta europea, una risposta forte». Le Maire ha tuttavia esortato ad «evitare di entrare in questa logica di sanzioni e risposte fra gli Stati Uniti e l'Europa. Non è nell'interesse di nessuno. Non del commercio né della crescita, né della stabilità politica».

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 16:56:37 | 91.208.130.85