Keystone
Il presidente ha raggiunto Londra per partecipare al summit della Nato.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
INDIA
19 min
L'incendio di New Delhi è stato innescato da un corto circuito
È quanto rivelano le autorità. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri da foto scattate con lo smartphone
REGNO UNITO
1 ora
In migliaia dormono all'aperto in segno di sostegno ai senzatetto
L'obiettivo del "Big Sleep Out" era raccogliere 50 milioni di dollari. Londra, New York, Brisbane e Dublino tra le città coinvolte
STATI UNITI
2 ore
Si sono mangiati la banana da 120'000 dollari di Cattelan
Protagonista del costos(issim)o snack un altro artista, David Datuna che è stato poi blindato dalla sicurezza
ITALIA
3 ore
Alta attività esplosiva dello Stromboli
Per gli escursionisti permane il divieto di scalare la montagna oltre quota 290 metri
BRASILE
4 ore
Amazzonia: due leader indigeni uccisi in un attacco
Gli indios brasiliani si trovano ad affrontare una violenza crescente sotto la presidenza di Jair Bolsonaro
REGNO UNITO
4 ore
Dimissioni se non si raggiunge la maggioranza assoluta? Johnson glissa
Una recente rilevazione mette in dubbio la possibilità per i Tory di arrivare all'obbiettivo dichiarato dal premier britannico
ITALIA
5 ore
Torino: madre uccide figlia disabile a martellate
A dare l'allarme è stato il marito della donna, di 87 anni
FOTO
CINA
6 ore
Una marea mascherata manifesta per le strade a Hong Kong
Domenica in piazza per i pro-dem. 11 uomini fermati per possesso di armi, sequestrata un'arma da fuoco
FOTO
INDIA
7 ore
Furibondo rogo in una fabbrica di Nuova Dehli: in 43 perdono la vita
Lo stabile si trovava in una zona particolarmente angusta che ha messo in difficoltà i pompieri, le vittime sorprese nel sonno
STATI UNITI
03.12.2019 - 07:210
Aggiornamento : 11:23

Trump minaccia l'Europa sui dazi

Il presidente americano punta il dito soprattutto contro la Francia e contro la digital tax che colpisce i big americani sul web. Le Maire risponde: «Minacce inaccettabili»

di Redazione
ats ans

WASHINGTON - Ancora una volta il presidente degli Stati Uniti Donald Trump entra in rotta di collisione con gli alleati europei alla vigilia di un vertice dei leader. E mentre è in volo sull'Air Force One verso Londra, per partecipare al summit della Nato, sgancia la sua bomba: se la Francia va avanti con la digital tax che colpisce i big americani del web - da Google a Facebook passando per Amazon - verrà colpita a partire da gennaio con dazi fino al 100% su beni per un valore di 2,4 miliardi di dollari. Non solo: da Washington fanno sapere che la rappresaglia potrebbe riguardare anche altre capitali che dovessero seguire la strada di Parigi, tra cui Roma.

Il rappresentante Usa al commercio Robert Lighthizer, che ha presentato le conclusioni dell'indagine ordinata dal tycoon, cita insieme all'Italia anche la Turchia e l'Austria. Quanto basta a rendere ancor più rovente del previsto il clima londinese nel quale in realtà si dovrebbero festeggiare i 70 anni dell'Alleanza Atlantica. Un clima reso già teso dalla questione dei finanziamenti alla Nato e dalle pressioni Usa perché gli alleati mollino Huawei per lo sviluppo del 5G. Trump vedrà l'inquilino dell'Eliseo Emmanuel Macron nelle prossime ore, così come dovrebbe incontrare a margine del vertice di Londra il presidente del consiglio italiano Giuseppe Conte. Ripeterà loro che la digital tax viene considerata dagli Usa discriminatoria nei confronti delle società americane e che c'è ancora tempo per poter negoziare e trovare una soluzione in sede Ocse.

Ma i tempi sono stretti, perché una decisione definitiva è attesa entro il 14 gennaio. Poi, senza intesa, dovrebbero scattare contro Parigi i nuovi pesantissimi dazi su champagne, borse e altri beni di lusso. E su quei vini e formaggi già colpiti da dazi al 25% il mese scorso. Così come colpiti da tariffe del 25% sono stati alcuni prodotti del made in Italy, eccellenze come il parmigiano e la mozzarella, in risposta al verdetto del Wto sugli aiuti europei ad Airbus. Una situazione che l'Italia vive come un'ingiustizia e che ha creato qualche tensione anche durante la recente visita alla Casa Bianca del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La digital tax francese prevede un'aliquota del 3% sulle entrate che le società tecnologiche americane incassano in Francia.

La risposta francese - Il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, ha definito oggi «inaccettabili» le minacce americane di sanzioni contro la digital tax ed ha avvertito Washington che l'Ue potrebbe rispondere con forza. «Il semplice progetto, che potrebbe applicarsi entro 30 giorni, di nuove sanzioni contro la Francia, è inaccettabile», ha detto Le Maire ai microfoni di Radio Classique. La Francia, ha detto il ministro, ha preso contatto con la nuova Commissione Ue per «assicurarsi che se ci dovessero essere nuove sanzioni americane, ci sarà certamente una risposta europea, una risposta forte». Le Maire ha tuttavia esortato ad «evitare di entrare in questa logica di sanzioni e risposte fra gli Stati Uniti e l'Europa. Non è nell'interesse di nessuno. Non del commercio né della crescita, né della stabilità politica».

 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 16:24:02 | 91.208.130.87