Keystone (archivio)
Bill Gates, un uomo da 110 miliardi di dollari.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
6 ore
Ovazione per Mattarella alla prima della Scala
Un applauso lungo quattro minuti ha accolto il Presidente della Repubblica
REGNO UNITO
7 ore
London Bridge, il papà di una vittima contro Johnson
«È un truffatore, il peggio di noi e vi prende in giro», ha detto il padre di Jack Merritt
AUSTRALIA
11 ore
Decine e decine di incendi: «Bruceranno per settimane»
Particolarmente colpiti Queensland e Nuovo Galles del Sud. Sei persone sono già morte e oltre 1.000 case sono andate bruciate
ITALIA
12 ore
Valanga dal monte Valletto, travolti tre sci alpinisti
Tutti quanti sono stati recuperati nel tardo pomeriggio, sciavano fuori pista
FRANCIA
14 ore
Weekend nero per i trasporti
A Parigi centinaia di gilet gialli per il 56esimo sabato di protesta
FOTO
ITALIA
15 ore
Bus contro il camion dei rifiuti a Milano, 18 feriti
Una donna di 49 anni, sbalzata dal filobus, è in stato di coma
STATI UNITI
15 ore
Tra Usa e Iran interviene la Svizzera
Trump ha tenuto a ringraziare la Svizzera «per il suo aiuto nel negoziato con l'Iran per il rilascio di Xiyue Wang». In libertà anche lo scienziato detenuto negli Usa, Massoud Soleimani
REGNO UNITO
15 ore
Miliardario russo investito, una "morte sospetta"
Dmitry Obretetskiy, 49 anni, era il proprietario di Magnat Trade Enterprise, il distributore ufficiale in Russia di Mars, Nestlé e Procter & Gamble
STATI UNITI
16 ore
«Nel 2020 in arrivo cinque nuovi iPhone»
In base alle previsioni, il primo sarà un modello più piccolo ed economico. L'attesa è per un iPhone SE 2, con schermo Lcd da 4,7 pollici
INDIA
17 ore
Bruciata dai suoi stupratori, la 25enne è morta
La donna aveva denunciato gli uomini che lo scorso marzo l'avevano violentata in gruppo
FRANCIA
18 ore
Falsi impieghi all'Europarlamento, indagato Bayrou
Il presidente del partito centrista francese MoDem è stato sottoposto a un interrogatorio fiume
STATI UNITI
18 ore
Definì "pedofilo" un soccorritore in Thailandia, assolto Musk
Il fondatore di Tesla aveva reagito così dopo che Vernon Unsworth aveva deriso il sottomarino che Musk aveva costruito per l'operazione
STATI UNITI
19 ore
Diciassette anni di corruzione, Ericsson patteggia
«La sua condotta corrotta ha coinvolto dirigenti di alto livello e ha abbracciato 17 anni e almeno cinque paesi allo scopo di aumentare i profitti»
STATI UNITI
19 ore
Sparatoria a Pensacola, «gli Usa nazione del male»
Mohammed Saeed Alshamrani ha usato una pistola contro dieci persone. L'addestramento del militare saudita era pagato da Riad
STATI UNITI
19 ore
Impeachment, niente udienze per la Casa Bianca
L'avvocato Pat Cipollone ha scritto che l'indagine è «completamente senza fondamento»
STATI UNITI
16.11.2019 - 18:140

Bill Gates si riprende lo scettro, è lui il più ricco del mondo

Per l'indice Bloomberg il fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari. Superato Jeff Bezos. Terzo sul podio Bernard Arnault, patron di LVMH

di Redazione
ats/ansa

NEW YORK - Bill Gates batte Jeff Bezos e si riprende il titolo di paperone mondiale. Il fondatore di Microsoft, secondo l'indice dei miliardari di Bloomberg, vale 110 miliardi di dollari (109,5 miliardi di franchi) contro i 108,7 miliardi di Bezos. Al terzo posto Bernard Arnault, patron di LVMH, con 102,7 miliardi.

La sfida al titolo di uomo più ricco del mondo fra Bezos e Gates riflette lo "scontro" fra Amazon e Microsoft per il maxicontratto da 10 miliardi di dollari del Pentagono. Il ministero della difesa statunitense ha assegnato a sorpresa la maxicommessa a Microsoft, in quello che è stato un vero e proprio schiaffo alla società di Bezos. Ma il colosso delle vendite on line non intende subire passivamente e annuncia un appello contro una decisione "influenzata dalla politica".

Amazon sembrava infatti la vincitrice naturale del maxicontratto fino a quando il presidente degli Usa Donald Trump ha buttato l'occhio sul processo di assegnazione, denunciando le lamentele di alcune società. Da quel momento è apparso subito chiaro che per Amazon una vittoria non sarebbe poi stata scontata. E così è stato: il contratto è andato a Microsoft e Amazon è rimasta con un pugno di mosche in mano.

In molti hanno visto nella scelta del pentagono lo zampino del presidente, la cui antipatia per Bezos e l'"Amazon Washington Post" è nota. La perdita del contratto, così come una trimestrale che non ha convinto mostrando un balzo dei costi per far fronte all'esigenza di consegne in 24 ore, ha pesato sui titoli Amazon a Wall Street, impoverendo di fatto un Bezos già più povero a causa di un divorzio multimiliardario da MacKenzie Bezos, ora la quarta donna più ricca al mondo.

La classifica dei miliardari conferma l'ascesa di Arnault, il patron di LVMH, il colosso del lusso che vale 200 miliardi di euro (circa 220 miliardi di franchi) e che punta a Tiffany, le gioiellerie preferite da Audrey Hepburn. Mettendo le mani su Tiffany Arnault si rafforzerebbe negli Stati Uniti e riuscirebbe a diversificare ulteriormente il suo impero aumentando l'esposizione ai gioielli, uno dei settori a più forte crescita sul mercato del lusso. Con i suoi 300 punti vendita a livello globale, Tiffany è uno dei maggiori gioiellieri al mondo insieme a Cartier e Bulgari, che fa parte dell'impero di Arnault.

Commenti
 
Arminda Armi 2 sett fa su fb
Niente di nuovo, danee fa danee ; piocc fan piocc. Poi ognuno è libero di distribuire quello che crede. Di solito chi ha poco, distribuisce, consigli, Ma c è anche chi prega per i poveri, chiede che vengano aiutati, ma .....non vorrebbe pagare le tasse come tutti, e ha la piazza piu grande del mondo, con un enerme cupola come sfondo. Con il dovuto rispetto, per tutti.
Heidi Bisi 2 sett fa su fb
Forte Bill sei grande 👍
Salvatore Nieddu 2 sett fa su fb
Beh, dopo che metà Amazon è bruciata...
Paolo Mac 2 sett fa su fb
Ciao zio Bill......ti ricordi di me?😂😂😂
Liridon Rashiti 3 sett fa su fb
Bujar Veseli
SosPettOso 3 sett fa su tio
Personaggio viscido e rivoltante. Per non pagare tasse (la famosa ridistribuzione nominata nei commenti precedenti) ha messo in piedi la fondazione "Melissa e Billa Gates" che tra le altre cose cura i bambini accecati da GlenCore a Mopani, in Zambia ... peccato che la fondazione "Melissa e Bill Gates" sia anche uno dei più grandi azionisti di Glencore! Come curare i diabetici investendo i fondi in McDonalds...
Andrea Sousa De Brito 3 sett fa su fb
Mitico!!!👍👍👍
Nesh online 3 sett fa su fb
🙈
Cem Sivas 3 sett fa su fb
È ora che questa ricchezza sia ridistribuita... non è possibile che l'1% ha il 99% della ricchezza mondiale!
Gianluca Anni 3 sett fa su fb
Cem Sivas perché? Se sono suoi sono suoi, distribuire cosa?
Cem Sivas 3 sett fa su fb
Gianluca Anni Suoi si, ma a profitto di chi? Lei trova giusto un tale squilibrio?
Loris Cesardi 3 sett fa su fb
La distribuiscono pagando le tasse
Cem Sivas 3 sett fa su fb
Loris Cesardi Ciò che è ridistribuito resta comunque un pugno di mosche...
Alberto Giana 3 sett fa su fb
Di tasse ne pagano ben poche e si prendono i nostri dati personali senza pagarli
Gianluca Anni 3 sett fa su fb
Cem Sivas Microsoft vende in tutto il mondo i suoi software o meglio vende la possibilità del loro utilizzo, la questione dati personali è a parte, questi li vendono tutti, ogni volta che si visita un sito e si accettano le regole i nostri dati vengono ceduti a terzi che si voglia o no, Bill Gates è a capo di un industria che vende il 90% dei sistemi operativi al mondo, mantiene quasi 120.000 famiglie direttamente, indotto a parte,non li ruba, li vende, quindi i soldi sono suoi, ogni persona che ha i soldi, pochi o tanti che siano, se guadagnati e non rubati ne può disporre come meglio crede, senza essere obbligato a cederli o a dividerli con terze persone, quindi mi dica per quale strano motivo dovrebbe essere obbligato a fare beneficenza o a regalarli in altro modo se non vuole, non esiste, sono suoi e ne dispone come vuole, non stiamo parlando di gente che tiene sotto scacco un paese intero nella fame quando potrebbe farlo vivere degnamente avendo la ricchezza in casa, esempio il Venezuela, che muore di fame pur essendo il SESTO (!!!!!!!) produttore mondiale di petrolio con un “presidente” che non fa nulla per migliorare la situazione. Qui le do ragione riguardo alla distribuzione delle ricchezze, anche se ci sarebbe da aprire un capitolo lungo e articolato a proposito di questo paese nello specifico.
Luca Gilardi 3 sett fa su fb
Gianluca Anni è comunque un dato di fatto che l'1% detiene il 99%, e questo dato è in continua crescita nel senso che i poveri aumentano e i ricchi diminuiscono ma concentrano a se sempre piu ricchezza. Quindi qualcosa non sta funzionando.
Cem Sivas 3 sett fa su fb
Gianluca Anni guardi, giuridicamente il suo discorso non fa una pecca. Ma il discorso qui non è strettamente giuridico, ma pure politico e filosofico. Io non lo trovo giusto che abbia una tale ricchezza. Ripeto le proporzioni: lui fa parte dell’1% che detiene il 99%. E può dirmi quello che vuole, ma non è giustificabile. Non è giusto in termini di giustizia sociale. E non capisco perché lei, e molti altri, lo giustifichino. Mi scuso se mi permetto, ma non penso che lei e la maggior parte delle persone facciate parte di questa élite. Lei dice “può farlo perché non ha rubato”. Certo, in termini giuridici non ha rubato. In termini economici et filosofici… se si è arricchito così tanto è perché la ridistribuzione del profitto è stato inequitabile. Ciò accade perché il datore di lavoro si appropria di quasi tutto il sopravalore prodotto. Nel suo caso, ci sono anche molte altre ragioni: in primis, la proprietà dei brevetti; secundis, la sua attività finanziaria. Quanto al Venezuela, la invito a informarsi senza pregiudizi. Le concedo il fatto che il paese è povero. Ma il problema è principalmente nei blocchi economici che sono imposti dall’occidente. In ogni caso, laggiù lo Stato garantisce a tutti educazione e assistenza medica gratuita, oltre che una casa a tutti. Qui no. Cordialmente.
Ivano Bettinsoli 3 sett fa su fb
Chapeau
Ivano Bettinsoli 3 sett fa su fb
Chapeau
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 04:26:12 | 91.208.130.86