Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
«Gli Usa non pagheranno per la sicurezza di Harry e Meghan»
Lo ha ribadito Donald Trump in un tweet: «Ammiro il Regno Unito e la Regina, ma loro dovevano stare in Canada»
STATI UNITI
2 ore
Gli Usa temono 200mila morti ma New York non va in quarantena
Una situazione critica negli States in cui pandemia, economia e strategie politiche si scontrano
GRECIA
2 ore
Prima vittima di coronavirus a Lesbos
Si tratta di una donna greca di 76anni, preoccupazione per le migliaia di migranti sull'isola in condizioni tragiche
REGNO UNITO
4 ore
«Almeno 6 mesi prima di poter abbassare la guardia»
Secondo gli esperti riprendere una vita normale troppo presto potrebbe portare a un nuovo picco della curva
ITALIA
5 ore
Tra virus e polemiche, ci si avvicina a 100'000 contagi
L'assessore lombardo Caparini ha lanciato pesanti critiche al Governo
ITALIA
6 ore
Una nonnina di 102 anni ha battuto il coronavirus
È stata dimessa la scorsa settimana dall'ospedale San Martino di Genova e la notizia ha fatto il giro del mondo
FILIPPINE
7 ore
Esplode un'aeroambulanza a Manila: 8 i morti
Lo scoppio è avvenuto in fase di decollo, il velivolo era diretto a Tokyo
GERMANIA
9 ore
Caos affitti: Adidas e H&M non vogliono pagarlo
Il Ministro della Giustizia è furente: «È un comportamento indecente e inaccettabile»
GERMANIA
10 ore
Politico CDU si suicida. «Angosciato dal Covid-19»
Si tratta di Thomas Schäfer. Aveva 54 anni
MONDO
12 ore
Spagna in crisi nera: oltre 6'500 morti, 838 solo da ieri
Gli ultimi aggiornamenti sulla situazione internazionale legata al Covid-19
ITALIA
23.10.2019 - 19:410

False comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, bufera sulla Bio-on

La vicenda rischia di trasformarsi in un nuovo caso di 'risparmio tradito', con oltre un miliardo di euro di capitalizzazione bruciata e i piccoli azionisti già pronti a costituirsi parte civile

BOLOGNA - Da regina dell'Aim, il mercato di Borsa italiana dedicato alle piccole imprese, ai sequestri per 150 milioni della guardia di finanza. È uno tsunami quello che ha travolto la società di bioplastiche Bio-on, che ha visto azzerati i suoi vertici societari dall'inchiesta della Procura di Bologna, che li accusa di false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato.

La vicenda rischia di trasformarsi in un nuovo caso di 'risparmio tradito', con oltre un miliardo di euro di capitalizzazione bruciata e i piccoli azionisti già pronti a costituirsi parte civile. La Borsa, stamattina, ha annunciato che i titoli della società bolognese «sono sospesi dalle negoziazioni». E pensare che il 9 luglio del 2018 il titolo Bio-on era arrivato a toccare i 70 euro, il suo massimo di sempre, attribuendo alla società una capitalizzazione 'monstre' di 1,3 miliardi, tutta fondata sulle prospettive future.

A finire nei guai sono Marco Astorri, fondatore e presidente del cda, agli arresti domiciliari su disposizione del giudice per le indagini preliminari (gip) Alberto Ziroldi, Guido Cicognani, socio e vice presidente, e Gianfranco Capodaglio, presidente del Collegio sindacale, questi ultimi due raggiunti da misure cautelari interdittive del divieto di esercitare ruoli direttivi di persone giuridiche. In tutto sono nove gli indagati.

È datato 24 luglio l'inizio della 'fine' di Bio-on. Quel giorno il fondo americano Quintessential ha pubblicato un dossier con cui accusava l'azienda di essere «una nuova Parmalat a Bologna», un «castello di carte» destinato «al collasso totale». A questo punto la Procura ha cominciato a muoversi e le indagini delle fiamme gialle hanno evidenziato numerose irregolarità per quanto riguarda la formazione dei bilanci e l'informazione societaria riportata al mercato, con particolare riferimento ai ricavi e al livello di produzione dichiarati dalla società bolognese.

La capacità produttiva di bio-polimeri dell'impianto di Castel San Pietro, infatti, veniva rappresentata come di mille tonnellate l'anno, quando in realtà dall'inizio del 2019 ad oggi si attestava sulle 19 tonnellate.

Nel dettaglio è stato rilevato come gran parte dei ricavi iscritti nei bilanci della società dal 2015 al 2018 fossero falsi, con riguardo alle tempistiche e modalità di realizzazione, mentre parte dei ricavi generati da cessioni di licenze nei confronti di due joint venture contabilizzate nel 2018, sarebbe frutto di operazioni fittizie.

Per il gip «le false informazioni di bilancio sono risultate strettamente funzionali ad accrescere la capitalizzazione» e, di conseguenza, rendere più appetibili sul mercato le azioni della società. Una strategia comunicativa utilizzata dal presidente Astorri, che viene definita «roboante, ammiccante, ed ottimisticamente proiettata verso obiettivi sempre più significativi», ma che in realtà creava aspettative ingannevoli. Lo stesso fondatore, intercettato al telefono, dice: «Mi prendo il mio pezzo di responsabilità, ma non è solo colpa nostra. È colpa del sistema che ci ha indotto a fare queste comunicazioni».

Il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato, ha spiegato che l'intervento degli investigatori ha evitato «che potesse esplodere con effetti ancora più devastanti una bolla economica che certamente avrebbe arrecato ancora maggiori danni». Per quanto riguarda i lavoratori dello stabilimento di Castel San Pietro, invece, Amato assicura che, per quanto le compete, la Procura sta facendo il possibile per salvaguardarli. Nel frattempo, il sindacato per la tutela dell'investimento e del risparmio di Milano (Siti) ha chiamato a raccolta tutti gli azionisti invitandoli a costituirsi parte civile nel futuro procedimento penale.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 00:27:07 | 91.208.130.86