Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
2 ore
L'associazione dei medici Usa ha chiesto il bando totale delle e-cig
Che cita 2'000 casi di malattie polmonari e 40 morti legate allo svapo: «Dobbiamo toglierle dalle mani dei ragazzi»
FOTO
GERMANIA
2 ore
È polemica per i cimeli di Hitler ed Eva Braun all'asta
Fra un cappello a cilindro del führer e la borsetta di sua moglie c'è chi la trova «una perversa mancanza di gusto»
STATI UNITI
3 ore
Pressioni sull'Ucraina? «Tutti sapevano»
L'ambasciatore Gordon Sondland ha ammesso di aver agito su ordine di Trump e intanto l'Fbi vuole sentire la talpa della telefonata
REGNO UNITO
3 ore
Donna cita in giudizio lo Stato, le ha nascosto la malattia ereditaria del padre
Era stato il genitore a chiedere il silenzio
STATI UNITI
4 ore
Pompeo sta pensando di dimettersi per correre al Senato
Lo suggeriscono alcune indiscrezioni arrivate al Time, a convincerlo della mossa le indagini per l'impeachment di Trump
REGNO UNITO
5 ore
Caso Epstein, si allunga la scia d'imbarazzo sul principe Andrea
Le prime frequentazioni del nobile con il miliardario risalirebbero all'inizio degli anni 90 e non al 1999
MONDO
5 ore
Infanzia negata: «Oltre 7 milioni di bambini detenuti»
Il rapporto è stato presentato dall'ONU: «Questi giovanissimi vivono in centri per profughi, in luoghi di custodia, in prigioni o altri luoghi di detenzione» e spesso sono vittime di abusi
UGANDA
6 ore
Bucati o a rischio rottura, ritirati un milione di preservativi
I contraccettivi, donati dall'organizzazione benefica Marie Stopes, erano stati realizzati in India. In Uganda circa il 6% degli adulti è sieropositivo e solo l'11% programma le gravidanze
THAILANDIA
6 ore
Il Papa in Thailandia: 425'500 persone vivono in schiavitù
Il numero totale di prostitute e prostituti al di sotto dei 18 anni di età sarebbe stimabile fra le 30'000 e le 35'000 unità
STATI UNITI
16.10.2019 - 20:000

FMI: «I tassi bassi sono un rischio per la stabilità finanziaria»

«Spingono gli investitori verso asset rischiosi e contribuiscono a far crescere la montagna di debito a rischio delle imprese»

WASHINGTON - I bassi tassi di interesse minacciano la stabilità finanziaria: spingono gli investitori verso asset rischiosi e contribuiscono a far crescere la montagna di debito a rischio delle imprese. Una bomba, questa, da 19'000 miliardi di dollari che, se esplodesse, causerebbe non pochi danni. 

A mettere in guardia sui pericoli di tassi bassi troppo a lungo è il Fondo Monetario Internazionale, invitando i governi ad agire e farlo ora allargando le regole varate per le banche dopo la crisi finanziaria anche ad altre aree del settore finanziario, quali le assicurazioni e i fondi pensione.

La politica monetaria accomodante sta sostenendo la crescita economica mondiale «per ora» ma il pericolo è che la «metta a rischio nel medio termine» afferma Tobias Adrian, il responsabile del Global Financial Stability Report del Fondo Monetario Internazionale. «La caccia ai rendimenti da parte degli investitori istituzionali - quali le assicurazioni, gli asset manager e i fondi pensione - li ha spinti verso asset più rischiosi e meno liquidi. Queste esposizioni potrebbero agire come un amplificatore in caso di shock» mette in evidenza Adrian. In circolazione ci sono al momento 15.000 miliardi di dollari di bond pubblici e privati con rendimenti negativi: un totale che è aumentato dall'inizio dell'anno indicando come i mercati finanziari si aspettano che i tassi resteranno bassi a lungo.

Dal punto di vista delle banche, aggiunge Adrian, la situazione è decisamente migliore che nel 2008. «Ci sono stati enormi progressi, la liquidità e il capitale delle banche è decisamente migliore» dice. «Quello che vediamo sono debolezze nel settore delle imprese e nelle istituzioni finanziarie non bancarie» spiega.

Sul fronte delle imprese la concessione di finanziamenti a società che potrebbero faticare a ripagarli in caso di rallentamento dell'economia è aumentata, mostrando la debolezza crescente dell'economia globale a questo settore finanziario. Le analisi del Fondo indicano che gli utili realizzati dalle società non finanziarie sarebbero inadeguati a ripagare i loro 19'000 miliardi di dollari di debito nel caso di un rallentamento economico anche di entità decisamente inferiore a quello della crisi finanziaria del 2008-2009.

Anche se le banche sono più sicure, c'è però bisogno di un'azione politica per evitare che riemergano problemi a livello di sistema. Secondo il Fondo, la politica deve intervenire per andare a risolvere quelle sacche di debolezza nel sistema finanziario, da una stretta sullo shadow banking ai controlli sulle assicurazioni e i fondi pensione, incluse paletti per evitare un ulteriore aumento del debito delle imprese. E proprio il debito globale, quello pubblico e quello in mano al settore privato non finanziario, continua a salire: è un macigno da 187.536 miliardi di dollari, pensate il 226,5% del Pil.

Commenti
 
anndo76 1 mese fa su tio
a me' risulta che nel biennio 2017 e 2018 la BNS abbia perso molti miliardi....e non guadagnati. poi se le statistiche e info pubblicate sono false allora taccio :-)
klich69 1 mese fa su tio
La BNS è l’única che spera nei tassi negativi così non danno ai cantoni ciò che dovrebbero ma con gli utili fanno i miliardi di coesione ai truffaldini ue. Bravi bravi veramente.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-20 19:18:56 | 91.208.130.86