Keystone
GERMANIA
24.09.2019 - 14:140

Volkswagen, la procura tedesca accusa i vertici di manipolazione

Il presidente del Consiglio di sorveglianza, l'amministratore delegato e l'ex Ad sono accusati di aver informato «deliberatamente troppo tardi» sui rischi del dieselgate gli investitori nel 2015

BERLINO - La procura di Braunschweig ha citato in giudizio la dirigenza di Volkswagen per manipolazione del mercato. Lo riportano i media tedeschi. Il presidente del Consiglio di sorveglianza Dieter Pötsch, l'amministratore delegato Herbert Diess e l'ex Ad Martin Winterkorn sono accusati di aver informato «deliberatamente troppo tardi» sui rischi del dieselgate gli investitori nel 2015. Lo ha annunciato il pubblico ministero oggi.

Un comunicato della procura di Braunschweig precisa che il deliberato ritardo ha riguardato la mancata diffusione di informazioni dovute al mercato sui «rilevanti obblighi di pagamento del gruppo, nell'ordine di miliardi, risultanti dalla scoperta del cosiddetto 'scandalo-diesel' e in tal modo l'aver influenzato illecitamente le quotazioni in Borsa dell'azienda».

Nell'atto di accusa di 636 pagine emerge che Winterkorn aveva «piena conoscenza» del caso «al più tardi dal maggio 2015», Pötsch «dal 29/6/2015» e «Diess dal 27/7/2015», ossia tra quattro e un mese prima della pubblicazione della "Notice of violation" da parte dell'autorità Usa il 18 settembre di quell'anno, precisa la nota.

Il comunicato segnala che ora l'atto di accusa deve essere esaminato e autorizzato dal tribunale di Braunschweig cui è demandata la fissazione della data dell'udienza.

La nota sull'accusa di «manipolazione di mercato» ricorda fra l'altro la volontà del legislatore di «obbligare i vertici di imprese quotate in Borsa a rendere noti», con «comunicati ad-hoc» pubblicati «immediatamente dopo la presa di conoscenza», «eventi rilevanti per i corsi come ad esempio rilevanti rischi finanziari».

Accuse respinte - «La società ha meticolosamente indagato su questo tema con l'aiuto di esperti legali interni ed esterni per almeno quattro anni. Il risultato è chiaro: Le accuse sono senza fondamento». È quanto afferma in una mail, secondo quanto riporta Bloomberg, Hiltrud Dorothea Werner, componente del consiglio di gestione e responsabile dell' «integrità e degli affari legali» di Volkswagen.

Volkswagen è fiduciosa di aver rispettato tutti gli obblighi legati alla legislazione sui mercati dei capitali. «Se ci sarà un processo - ha aggiunto Werner -, siamo fiduciosi che venga provato che le accuse sono infondate».


 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-15 12:05:15 | 91.208.130.89