Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
THAILANDIA
4 ore
Il re licenzia i suoi funzionari per "malvagità"
Pochi giorni fa aveva allontanato la sua consorte per «comportamento scorretto e slealtà nei confronti del monarca»
BOTSWANA
5 ore
Più di cento elefanti morti negli ultimi due mesi
«Le indagini preliminari suggeriscono che gli elefanti stanno morendo di antrace, mentre alcuni sono morti a causa degli effetti della siccità»
STATI UNITI
5 ore
Libra ed elezioni 2020, il Congresso contro Zuckerberg
Sulla moneta ammette: «È un'iniziativa complessa e rischiosa. Non so se funzionerà»
REGNO UNITO
6 ore
Brexit, ok dell'Ue alla proroga
La campagna elettorale è già partita, sia da parte del premier conservatore, sia dei leader delle forze di opposizione
ISRAELE
6 ore
Incarico a Benny Gantz, Israele prova a voltare pagina
Il presidente Reuven Rivlin ha incaricato l'ex capo di stato maggiore e leader del partito centrista Blu-Bianco di formare un nuovo esecutivo
ITALIA
6 ore
False comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, bufera sulla Bio-on
La vicenda rischia di trasformarsi in un nuovo caso di 'risparmio tradito', con oltre un miliardo di euro di capitalizzazione bruciata e i piccoli azionisti già pronti a costituirsi parte civile
STATI UNITI
8 ore
Trump: «Toglieremo le sanzioni alla Turchia»
Damasco creerà 15 check-point al confine. Mosca: trattative per venderle altri missili S-400
ITALIA
8 ore
Querela Fedez-Martani: «Insultare sui social non è diffamazione»
È quanto sostiene la procura di Roma. «Sui social network tutti si sfogano, ma in concreto gli insulti sono privi di offensività»
GERMANIA
8 ore
Evacuato per incendio parte dell'aeroporto di Berlino
Il traffico aereo non è stato alterato
BELGIO
9 ore
Eutanasia per Marieke Vervoort, non voleva più soffrire
La campionessa paralimpica aveva 40 anni. Combatteva dall’età di 14 anni con una malattia muscolare degenerativa incurabile
STATI UNITI
10 ore
Quelle aziende che per assumere chiedono alle intelligenze artificiali
Negli States lo fanno in molte, anche le multinazionali, e si parla di oltre un milione di candidati vagliati dalle app di selezione
CILE
10 ore
L'auto di un ubriaco contro i manifestanti: 2 morti e 17 feriti
Fra le vittime anche un bambino, l'uomo alla guida avrebbe accelerato al posto di frenare. In seguito ha rischiato il linciaggio
VIDEO
DANIMARCA
11 ore
Spostato il faro, rischiava di cadere
Importante operazione nel comune di Hjørring. Salvata una struttura risalente al 1899
GERMANIA
11 ore
Sette maxi-attentati sventati dal 2016
Lo ha comunicato il presidente dell'Ufficio federale criminale tedesco Holger Muench
NORVEGIA
12 ore
Oggi gli interrogatori dei due arrestati
Gli investigatori stanno ancora indagando sul movente dell'attacco
REGNO UNITO
24.09.2019 - 09:140
Aggiornamento : 11:22

Thomas Cook, manager sotto inchiesta

Boris Johnson ha messo in discussione i bonus milionari incassati negli anni

LONDRA - Management sotto tiro per la bancarotta di Thomas Cook, lo storico tour operator britannico messo in liquidazione a partire da ieri per insolvenza, il cui blocco repentino delle attività ha provocato caos e disagi a centinaia di migliaia di clienti rimasti bloccati o in preda all'incertezza nei resort dei rispettivi pacchetti-vacanza.

Il governo conservatore di Londra, mentre continua il rimpatrio dei turisti, ha infatti annunciato un'inchiesta in piena regola sui vertici aziendali, dopo che il premier, Boris Johnson, ne aveva messo in discussione i bonus milionari incassati negli anni.

L'inchiesta è stata affidata dalla ministra per le Attività Produttive, Andrea Leadsom, all'official receiver, l'ufficiale giudiziario incaricato dell'iter fallimentare, per verificare se l'operato dei responsabili abbia «causato nocumento ai creditori o ai fondi pensione» dei 22.000 dipendenti ora a rischio. La stampa intanto denuncia i circa 50 milioni ricevuti fra salari e bonus dagli executive di Thomas Cook negli ultimi 10 anni, in barba alla crisi e ai debiti crescenti della società.

Il ministro dei Trasporti di Londra, Grant Shapps, ha da parte sua assicurato che il rimpatrio dei turisti costretti a tornare a casa o intenzionati a farlo in anticipo prosegue ormai «regolarmente», anche se non manca qualche residua lamentela.

Un ponte aereo di charter - senza precedenti per dimensione in tempi non di guerra - è stato messo in ogni modo a disposizione dei circa 155.000 britannici coinvolti, su un totale di quasi 600.000 clienti interessati dalla vicenda stranieri compresi.

Non tutti dovranno peraltro interrompere i soggiorni immediatamente, s'è appreso, mentre per le persone non residenti nel Regno Unito restano operativi almeno i servizi di alcune delle sussidiarie estere della casa madre: come quella tedesca, quella del Nord Europa e quelle cinese e indiana.

In Tunisia gravi perdite - Ammontano a circa 70 milioni di euro le perdite di quaranta hotel tunisini che collaborano con Thomas Cook. Lo ha detto la responsabile media della Federazione tunisina degli albergatori (Fth) Mouna Ben Halima, precisando che «queste perdite rappresentano tra il 65 e il 70% delle entrate degli hotel interessati, (il costo delle fatture non pagate di alta stagione dei mesi di luglio, agosto e settembre), visto che i pagamenti effettuati da Cook normalmente vengono regolati dopo 90 giorni».

Ben Halima ha affermato che la maggior parte dei professionisti tunisini colpiti da questa crisi si trovano nelle regioni di Hammamet e Djerba, e una dozzina delle strutture collabora esclusivamente con Thomas Cook. «Alcuni di questi hotel avranno grandi difficoltà a sopravvivere, soprattutto perché hanno sofferto molto dopo gli attacchi del 2015», ha detto. I turisti che hanno prenotato in Tunisia tramite Thomas Cook non arriveranno più, mentre quelli che attualmente sono in Tunisia partiranno verso i loro Paesi di origine da oggi. In effetti, il governo britannico ha organizzato voli per garantire il ritorno dei turisti in buone condizioni. Numerosi voli sono in programma lunedì dall'aeroporto di Enfidha.

La Tunisia accoglie una media annua di 150 mila turisti tramite il tour operator britannico, provenienti da 10 paesi europei, tra cui Inghilterra, Germania, Francia, Italia. Oggi è in programma una riunione d'urgenza tra il ministro del Turismo tunisino René Trabelsi l'ambasciatore del Regno Unito in Tunisia, Louisa de Sousa, la Federazione tunisina degli albergatori, la Banca centrale tunisina (Bct), le compagnie aeree e la federazione tunisina delle agenzie di viaggio. 4500 i turisti attualmente in Tunisia di Thomas Cook da rimpatriare, in gran parte inglesi. 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 02:29:11 | 91.208.130.85