Keystone - foto d'archivio
STATI UNITI
17.09.2019 - 19:330

75 miliardi di dollari dalla Fed

La Federal Reserve di New York ha dovuto prevenire una stretta al mercato monetario dopo il balzo dei tassi sulle operazioni di rifinanziamento a breve termine

NEW YORK - La Federal Reserve di New York ha dovuto iniettare 75 miliardi di dollari nel sistema finanziario degli Usa per prevenire una stretta al mercato monetario dopo un balzo dei tassi sulle operazioni di rifinanziamento a breve termine volato fino al 10%, il doppio rispetto alla forchetta di politica monetaria compresa fra il 2 e il 2,25%. Lo comunica la banca centrale.

Diversi analisti notano che sarebbero alcuni fattori tecnici ad aver causato il balzo dei tasso sui "repo", le operazioni di rifinanziamento a breve termine con cui la Fed inietta liquidità in cambio di titoli forniti a garanzia: in particolare avrebbe pesato una richiesta elevata di cash da parte delle imprese in vista di scadenze fiscali. Dall'altra parte ci sarebbe stata difficoltà ad approvvigionarsi di treasuries, i titoli Usa che servono come collaterale per poter ricevere la liquidità.

Secondo altri, tuttavia, all'origine dell'improvviso balzo, che ha fatto schizzare il tasso sui fed funds al 2,25% innescando la reazione della banca centrale, ci sarebbe la progressiva riduzione del bilancio della Fed, speculare a un calo delle riserve tenute dalle banche presso di essa, causando una stretta alla liquidità disponibile per i pagamenti a breve termine.

I repo sono aste di liquidità equivalenti al sistema circolatorio del sistema finanziario: l'operazione di oggi avviene alla vigilia della riunione in cui la Fed è chiamata decidere sui tassi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 22:28:07 | 91.208.130.87