Keystone
ARABIA SAUDITA
16.09.2019 - 10:170

L'attacco ad Aramco è il peggior danno alla produzione di petrolio della storia

Come percentuale della produzione mondiale, è superiore ai cali causati dall'invasione del Kuwait e dalla rivoluzione iraniana

RIAD - La perdita di produzione legata all'attacco agli impianti di Saudi Aramco, in Arabia Saudita, rappresenta il più grande danno determinato da un singolo evento per i mercati petroliferi.

Lo riporta l'agenzia Bloomberg ricordando che la perdita di 5,7 milioni di barili al giorno, generata dall'attacco contro Riad, pari a circa il 5% della produzione mondiale, è superiore ai 5,6 milioni persi nel 1979 con la rivoluzione iraniana e dei 4,3 milioni di barili persi nel 1990 quando l'Iraq di Saddam Hussein invase il Kuwait e nel 1973 in occasione della guerra del Kippur tra Israele e Paesi arabi.

La Russia: «Sulla produzione aspettiamo una risposta da Riad» - La Russia attenderà la risposta di Riad agli attacchi patiti dall'Aramco prima di aumentare la produzione di greggio così da bilanciare i prezzi globali. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, citato da Interfax.

«L'Arabia Saudita afferma che ripristineranno i volumi nel prossimo futuro. Pertanto, è necessario solo aspettare di vedere cosa possono fare i sauditi e quindi seguire da vicino gli sviluppi sul mercato petrolifero che, senza dubbio, ora è sotto pressione», ha detto Peskov.
 
 

1 mese fa Produzione di petrolio dimezzata: Riad userà le riserve
1 mese fa Pompeo: «C'è Teheran dietro agli attacchi alle raffinerie saudite»
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 05:07:19 | 91.208.130.87