Keystone
GIAPPONE
05.09.2019 - 07:430

Nissan, anche il ceo Saikawa ammette di aver ricevuto compensi illeciti

Il tutto sarebbe partito da un sistema di incentivi gestito internamente dall'azienda. Ha aggiunto che restituirà tutta la somma

TOKYO - Dopo lo scandalo finanziario che ha visto protagonista Carlos Ghosn alla Nissan, anche l'attuale ceo Hiroto Saikawa ammette di aver percepito compensi più alti del previsto grazie a un sistema di incentivi gestito internamente dall'azienda.

A 24 ore dall'emergere delle prime voci su un suo possibile coinvolgimento, Saikawa ha spiegato alla stampa che «la gestione dello schema - che si basava su remunerazioni legate all'andamento del titolo in borsa, è stata condotta erroneamente», e lui stesso non era a conoscenza del cattivo funzionamento.

Saikawa ha aggiunto che restituirà l'importo in eccesso, e che il prospetto era stato creato durante la gestione dell'ex presidente della casa auto, Ghosn. In base ai media locali, la vicenda sarà discussa nella riunione del consiglio di amministrazione della prossima settimana di Nissan e il board deciderà se intraprendere o meno azioni disciplinari.

Dopo l'arresto di Ghosn, lo scorso novembre, con l'accusa sottostimato i propri compensi per un periodo di quasi dieci anni e per abuso di fiducia aggravata, in giugno Nissan ha approvato un progetto di riforma della corporate governance, costituendo tre comitati separati: nomine, audit e remunerazioni.

Saikawa era stato nominato amministratore delegato di Nissan nell'aprile 2017, e da molti considerato il luogotenente di Ghosn durante il periodo in cui l'ex tycoon era presidente del gruppo.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-15 22:01:16 | 91.208.130.89