Deposit
ITALIA
23.07.2019 - 11:170

Le api stressate dal caldo non volano più: in Italia -41% di miele

Sono in pericolo anche le nuove covate che le operaie cercano di salvare dalla disidratazione

ROMA - In Italia le api stremate dal caldo hanno smesso di volare e non svolgono più il lavoro di trasporto di nettare e polline, ma sono in pericolo anche le nuove covate che le operaie cercano di salvare dalla disidratazione evitando che le temperature nelle arnie superino i 33-36 gradi. È quanto afferma la Coldiretti - maggiore associazione di rappresentanza dell'agricoltura italiana - nel ricordare che la prima produzione nazionale di miele di acacia e agrumi, è crollata del 41% rispetto alle attese.

Ora l'ondata di caldo africano rischia di dare il colpo di grazia agli alveari dove, sottolinea la Coldiretti, le api ventilatrici sono impegnate a rinfrescare l'interno agitando velocemente le ali in modo da ricambiare l'aria e quelle acquaiole portano invece acqua in forma di goccioline per raffreddare, a scapito della normale attività di impollinazione.

Il risultato, precisa la Coldiretti, è che quest'anno la produzione nazionale risulterà sotto gli oltre 23,3 milioni di chili del 2018. La stato di sofferenza delle api, che sono un indicatore dello stato di salute dell'ambiente, è rappresentativo in realtà dello sconvolgimento provocato dal clima sulla natura, animali e piante.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 11 mesi fa su tio
Secondo Salvini è colpa degli immigrati, della Commissione europea e dei centri sociali.
GI 11 mesi fa su tio
un modo come un altro per giustificare un ritocco verso l'altro del prezzo....a pensar mal si fa in fretta...
MIM 11 mesi fa su tio
Per il caldo? Ma chi vogliono prendere per il cu.lo?
miba 11 mesi fa su tio
Mah, non sono uno scienziato ma siamo poi sicuri che la causa sia effettivamente il caldo e non tutte le porcherie che vengono immesse nell'aria? Incluse onde elettromagnetiche, antenne telefoniche e di altro.tipo?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-05 07:12:26 | 91.208.130.85