keystone-sda.ch/STF (Jenny Kane)
STATI UNITI
18.07.2019 - 15:530

«L'Fbi indaghi su FaceApp»

Dagli Usa vogliono fare chiarezza in merito alle procedure usate da Wireless Lab, una società russa basata a San Pietroburgo

WASHINGTON - Il leader democratico al Senato americano, Chuck Schumer, ha chiesto all'Fbi e alla commissione federale per il commercio (Ftc) di indagare su FaceApp, una applicazione sempre più virale disponibile su App Store e Google Play Store che consente di alterare le foto degli utenti per farli sembrare più giovani o più vecchi.

In una lettera postata su Twitter, Schumer ha definito "profondamente preoccupante" che i dati personali di cittadini Usa possano finire nella mani di una «potenza straniera ostile».

L'app è sviluppata da Wireless Lab, una società russa basata a San Pietroburgo. «Ho serie preoccupazioni sia sulla protezione dei dati che vengono aggregati sia sul fatto che gli utenti siano a conoscenza di chi possa avervi accesso», ha scritto Schumer.

La compagnia ha spiegato che, benché il team sia in Russia, i dati non sono trasferiti in Russia, e che non immagazzina permanentemente le immagini né fa raccolta di dati. «Semplicemente - ha aggiunto - vengono scaricate specifiche foto selezionate dagli utenti per l'editing». La società afferma di avere 80 milioni di iscritti.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 11:00:33 | 91.208.130.89