Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
9 min
Faceva spacciare il figlio di nove anni: arrestata
Un'organizzazione dedita al traffico di stupefacenti è stata sgominata tra Puglia e Basilicata
ITALIA
10 min
Armi da guerra, esplosivi e 45kg di droga in un garage
La polizia ha requisito l'arsenale e arrestato tre uomini
GERMANIA
36 min
Gruppo Volkswagen sanzionato per oltre 100 milioni di euro
Le sanzioni riguardano il superamento del limite di emissione di Co2
UNGHERIA
41 min
L'Ungheria ha firmato: acquisterà «grandi quantità» di Sputnik V
Si tratta della prima nazione appartenente all'Unione europea a spalancare le porte al vaccino russo anti-Covid
STATI UNITI
1 ora
Effetto Covid, le case non sono mai state così pulite
Con la pandemia negli Stati Uniti è boom per saponi liquidi e detergenti
RUSSIA
1 ora
Navalny, lettere «vietate» in cella
L'oppositore russo si trova agli arresti da domenica scorsa, giorno in cui ha fatto ritorno a Mosca
STATI UNITI
2 ore
Impeachment, qualcuno già lo chiede per Biden
La richiesta è della deputata Marjiorie Taylor Green, seguace delle teorie di QAnon. Lo accusa di abuso di potere
UNIONE EUROPEA
3 ore
Le varianti spaventano, l'Europa stringe sui viaggi
L'Unione europea non intende chiudere i confini: «Una zona epidemiologica unica»
MONDO
3 ore
Covid, Colombia e Germania oltre i 50mila decessi
Gli ultimi aggiornamenti internazionali sull'evoluzione della pandemia di coronavirus
IRAQ
3 ore
Doppio attentato a Baghdad, l'Isis: «È opera nostra»
Bombe in un mercato di vestiti usati. Il bilancio è di 35 morti e 80 feriti.
FRANCIA
17.07.2019 - 20:450

Pressing sui colossi di internet, dalla web tax alla moneta di Facebook

«Dobbiamo assicurare che le piattaforme online non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi»

CHANTILLY - La moneta virtuale di Facebook mette in guardia i big del pianeta. Riuniti nel castello di Chantilly, a nord di Parigi, i ministri dell'Economia e delle Finanze dei Paesi del G7 (Francia, Italia, Usa, Gran Bretagna, Giappone, Canada e Germania) hanno raggiunto un «consenso» sulla «necessità di agire rapidamente» dinanzi a Libra, l'ultimo progetto del 'genietto' di internet ormai titolare del social network più potente al mondo, Mark Zuckerberg.

Ancora in alto mare, invece, il progetto di una 'web tax' comune sui giganti di internet (Gafa) recentemente approvata in modo unilaterale dalla Francia ed osteggiata dall'amministrazione Usa. Sempre oggi, la Commissione Ue ha deciso di aprire un'indagine per verificare se l'utilizzo, da parte di Amazon, dai dati dei dettaglianti indipendenti che vendono i loro prodotti attraverso la piattaforma del gigante dell'e-commerce viola le regole sulla concorrenza.

«Dobbiamo assicurare che le piattaforme online - ha detto la commissaria Ue alla concorrenza Margarethe Vestager - non eliminino i benefici che il commercio elettronico offre ai consumatori attraverso comportamenti anti-competitivi». Al termine della prima giornata di lavori a Chantilly, la presidenza francese del G7 ha invece annunciato che su Libra «abbiamo avuto una discussione molto costruttiva e dettagliata con un ampio consenso sul bisogno di agire rapidamente».

Tutti hanno espresso «preoccupazione» rispetto all'annunciato progetto di Facebook. Rivolgendosi ai cronisti a margine della riunione, il ministro dell'Economia italiano, Giovanni Tria, ha annunciato che «questa preoccupazione si tradurrà in un'azione di controllo» nonché in uno specifico «intervento» dei Paesi del G7. In mattinata, l'omologo francese e padrone di casa, Bruno Le Maire, aveva lanciato un chiaro avvertimento. «Nessuno può accettare che multinazionali con oltre un miliardo di utenti si trasformino in Stati privati, dotandosi di un moneta capace di competere con valute sovrane». Tra l'altro, il fedelissimo del presidente Emmanuel Macron ha evocato «rischi di riciclaggio o di lotta al finanziamento del terrorismo».

Se la necessità di intervenire su Libra riscuote il consenso del G7, l'altra grande priorità, vale a dire la 'Web tax' invocata a gran voce dalla Francia sui colossi internet è ancora in alto mare. «Le trattative con gli Usa saranno "difficili, lo so. La posizione americana si è recentemente inasprita», ha deplorato Le Maire, poco prima di ricevere a Chantilly l'omologo Usa Steven Mnuchin.

Qualche giorno fa, il Parlamento di Parigi ha adottato la 'Taxe Gafa' scatenando la minaccia di ritorsioni da parte di Washington. Simili iniziative unilaterali sono allo studio anche in Gran Bretagna e Spagna, ma l'obiettivo finale resta chiaramente quello di un accordo idealmente al livello Ocse. Alla domanda sul perché Parigi avesse deciso nel frattempo di andare avanti da sola, Le Maire ha spiegato che non si può «aspettare in eterno, la gente attende decisioni, non solo discussioni». «Se alla fine abbiamo deciso di andare da soli - ha continuato - è solo per aprire la strada ad un compromesso internazionale».

Parigi punta a raggiungerlo, almeno per grandi linee entro il 2020. Ma la strada, al momento, sembra essere tutta in salita. Tra gli altri temi sul tavolo del G7 di Chantilly, che si chiuderà domani, anche una tassa minima globale sulle società, la Finanza Verde e le ineguaglianze di genere.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-22 11:03:15 | 91.208.130.89