Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
CINA
50 min
Hong Kong, 1'556 arresti dall'inizio delle proteste
SPAGNA
1 ora
Con i sub per recuperare la droga, 32 persone in manette
REGNO UNITO
1 ora
Nell'Underground londinese è boom di molestie sessuali
STATI UNITI
2 ore
Onu: un'assicurazione per 20 paesi a rischio catastrofe climatica
ITALIA/FRANCIA
2 ore
Torino-Lione, pronti i primi 9 km della Tav
CINA
3 ore
In centinaia ammanettati e bendati dal treno al campo di prigionia
STATI UNITI
5 ore
Un binge-watching da paura tra i lavori più belli del mondo
REGNO UNITO
5 ore
Niente accordo di salvataggio, Thomas Cook chiede la bancarotta
BRASILE
5 ore
Muore una bimba di 8 anni «colpita alla nuca dalla polizia»
ALBANIA
5 ore
Annunciato un nuovo terremoto, panico per le strade
REGNO UNITO
6 ore
Brexit, case automobilistiche europee: «Un no deal sarebbe un terremoto»
STATI UNITI
8 ore
11enne chiama il 911 e fa arrestare la conducente del suo scuolabus
GRECIA
16 ore
Fece parte del dirottamento del Twa847, in manette a Mikonos
IRAN
18 ore
«Non sono sicuro che una guerra possa essere evitata»
ITALIA
19 ore
Cacciatore scambia il padre per un cinghiale e lo uccide
FRANCIA
11.07.2019 - 12:180
Aggiornamento : 13:32

Netflix & co.: i video online provocano le stesse emissioni di Co2 della Spagna

I video pesano per l'80% del traffico dati mondiale e le tecnologie digitali coprono il 4% delle emissioni globali

PARIGI - Nel 2018 l'energia consumata per la visualizzazione di video online ha generato 306 milioni di tonnellate di CO2, la quantità di gas serra emessa dalla Spagna (1% delle emissioni globali).

Oltre un terzo di queste emissioni (100 MtCO2) sono state generate dai video on demand (per esempio Netflix o Amazon Prime Video), e circa 80 MtCO2 dai video porno, che rappresentano il 27% del traffico totale di dati video.

Sono i numeri di una ricerca del laboratorio d'idee francese The Shift Project, che si batte per la "moderazione digitale": l'organizzazione invita a usare la più bassa definizione possibile, a vietare l'autoplay e a stabilire criteri per la priorità di uso.

I video pesano per l'80% del traffico dati mondiale e le tecnologie digitali coprono il 4% delle emissioni globali. Per dare un'idea, il consumo di video on demand genera emissioni equivalenti a quelle del Cile, mentre i porno quanto quelle di tutte le famiglie francesi (0,2% delle emissioni globali).
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 14:00:57 | 91.208.130.87