Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
THAILANDIA
1 ora
Il re licenzia i suoi funzionari per "malvagità"
Pochi giorni fa aveva allontanato la sua consorte per «comportamento scorretto e slealtà nei confronti del monarca»
BOTSWANA
2 ore
Più di cento elefanti morti negli ultimi due mesi
«Le indagini preliminari suggeriscono che gli elefanti stanno morendo di antrace, mentre alcuni sono morti a causa degli effetti della siccità»
STATI UNITI
3 ore
Libra ed elezioni 2020, il Congresso contro Zuckerberg
Sulla moneta ammette: «È un'iniziativa complessa e rischiosa. Non so se funzionerà»
REGNO UNITO
3 ore
Brexit, ok dell'Ue alla proroga
La campagna elettorale è già partita, sia da parte del premier conservatore, sia dei leader delle forze di opposizione
ISRAELE
3 ore
Incarico a Benny Gantz, Israele prova a voltare pagina
Il presidente Reuven Rivlin ha incaricato l'ex capo di stato maggiore e leader del partito centrista Blu-Bianco di formare un nuovo esecutivo
ITALIA
4 ore
False comunicazioni sociali e manipolazione del mercato, bufera sulla Bio-on
La vicenda rischia di trasformarsi in un nuovo caso di 'risparmio tradito', con oltre un miliardo di euro di capitalizzazione bruciata e i piccoli azionisti già pronti a costituirsi parte civile
STATI UNITI
5 ore
Trump: «Toglieremo le sanzioni alla Turchia»
Damasco creerà 15 check-point al confine. Mosca: trattative per venderle altri missili S-400
ITALIA
5 ore
Querela Fedez-Martani: «Insultare sui social non è diffamazione»
È quanto sostiene la procura di Roma. «Sui social network tutti si sfogano, ma in concreto gli insulti sono privi di offensività»
GERMANIA
6 ore
Evacuato per incendio parte dell'aeroporto di Berlino
Il traffico aereo non è stato alterato
BELGIO
6 ore
Eutanasia per Marieke Vervoort, non voleva più soffrire
La campionessa paralimpica aveva 40 anni. Combatteva dall’età di 14 anni con una malattia muscolare degenerativa incurabile
STATI UNITI
7 ore
Quelle aziende che per assumere chiedono alle intelligenze artificiali
Negli States lo fanno in molte, anche le multinazionali, e si parla di oltre un milione di candidati vagliati dalle app di selezione
CILE
8 ore
L'auto di un ubriaco contro i manifestanti: 2 morti e 17 feriti
Fra le vittime anche un bambino, l'uomo alla guida avrebbe accelerato al posto di frenare. In seguito ha rischiato il linciaggio
VIDEO
DANIMARCA
8 ore
Spostato il faro, rischiava di cadere
Importante operazione nel comune di Hjørring. Salvata una struttura risalente al 1899
GERMANIA
9 ore
Sette maxi-attentati sventati dal 2016
Lo ha comunicato il presidente dell'Ufficio federale criminale tedesco Holger Muench
NORVEGIA
9 ore
Oggi gli interrogatori dei due arrestati
Gli investigatori stanno ancora indagando sul movente dell'attacco
GIAPPONE
29.06.2019 - 20:210

Tregua sui dazi fra Trump e Xi, ripartono i negoziati

La minaccia americana di nuovi dazi sull'import made in China viene congelata

OSAKA - Stati Uniti e Cina siglano la seconda tregua in sette mesi nella loro guerra commerciale e si impegnano a riprendere i negoziati. Mentre la minaccia americana di nuovi dazi sull'import made in China viene congelata: i punti certi dell'atteso summit tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping a margine del G20 di Osaka finiscono qui.

Il tycoon si è presentato in conferenza stampa dopo l'invito rivolto di prima mattina via Twitter al leader nordcoreano Kim Jong-un ad incontrarsi al confine della zona demilitarizzata (Dmz) durante la visita in Corea del Sud: "lo incontrerei anche solo per stringergli la mano e salutarlo". Nel primo pomeriggio, invece, ha definito "molto buono", anzi "eccellente" il vertice con Xi, visto che i negoziati sono "tornati in carreggiata".

Di fronte a grandi aspettative, Trump ha spiegato alla sala affollata di giornalisti che "per il momento non alzeremo i dazi sulla Cina. Lavoreremo con loro, negozieremo e inizieranno a spendere soldi, molti soldi, per prodotti agricoli e cibo americani. Lo faranno quasi subito, già durante i negoziati".

Riferimenti generici ai quali i media cinesi hanno risposto quasi contestualmente parlando di cessate il fuoco e dell'avvio dei colloqui su indefiniti temi "specifici" con pari dignità.

La sorpresa è maturata poi sul nodo Huawei: potrà tornare ad acquistare i prodotti dai fornitori americani, in quella che è apparsa una concessione della Casa Bianca. "Le compagnie Usa possono vendere attrezzature a Huawei lì dove non ci sono grandi problemi con la sicurezza nazionale", ha detto Trump che, incalzato dalle domande, è stato sempre più evasivo.

"Abbiamo discusso di molte cose, di Huawei. Una cosa che consentirò, e che sorprenderà molte persone, è che vendiamo a Huawei un ammontare enorme di parti utili per i prodotti che fanno". La rimozione della compagnia dalla lista nera del commercio Usa, coi gravi problemi sulla sicurezza nazionale segnalati da intelligence e dipartimento di Giustizia, sarà però decisa solo "verso la fine" dei colloqui.

Xi, del resto, s'è presentato a Osaka facendo filtrare che Huawei, centrale nelle strategie di sviluppo di Pechino, avrebbe dovuto beneficiare di un allentamento delle pressioni Usa. "Ovviamente noi saremmo facili" se le parole di Trump "fossero messe in atto", ha commentato in un briefing Wang Xiaolong, inviato speciale cinese per gli Affari del G20.

Il capitolo Pyongyang, nonostante lo stallo negoziale sulla denuclearizzazione, ha avuto grande risalto: "Non so se Kim ci sarà, io domani andrò alla Dmz. Vediamo cosa succede. Se c'è gli stringo la mano", ha detto il tycoon assicurando che si sentirebbe perfettamente a suo agio se Kim gli chiedesse di attraversare con lui il confine ed entrare in Corea del Nord. La vice ministro degli Esteri nordcoreana Choe Son Hui gli ha risposto che la proposta è "molto interessante", e aiuterebbe a rafforzare i legami tra i due leader.

Il G20, in questo vertice di Osaka, ha messo in scena una paradossale prova di unità: tutti contro l'America. Il comunicato ha infatti messo nero su bianco la profonda divisione sul commercio e sui cambiamenti climatici (un accordo "19+1", come al G20 di Buenos Aires). Dopo due giorni di discussioni, i leader delle più grandi economie del pianeta hanno avvertito che si sono intensificate le tensioni geopolitiche e sul commercio, con i relativi rischi per l'economia globale.

L'elaborazione del comunicato, se si esclude il via libera al bando sulla plastica al 2050, ha dimostrato che il G20 sta migliorando la gestione della sfida dirompente di Trump, ma al prezzo di accordi deboli.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 23:43:46 | 91.208.130.85