KEYSTONE/AP (Geert Vanden Wijngaert)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BELGIO
6 ore
In rosso sul conto di 100 miliardi di euro
Lo ha scoperto un imprenditore quando si è visto respingere il bancomat mentre cercava di acquistare un sandwich
STATI UNITI
9 ore
Trump fa un check-up non previsto: «Sta benissimo»
La Casa Bianca corre ai ripari dopo che il presidente americano ha annunciato di essersi fatto visitare, ancorché con esiti «grandiosi»
CINA
11 ore
Hong Kong, la polizia avverte: se minacciati, spareremo
Se i manifestanti dovessero usare «armi letali» gli agenti replicheranno con «colpi di arma da fuoco»
FOTO E VIDEO
ITALIA
13 ore
Esondano i fiumi: trema Firenze, l'Emilia allagata
Non c'è solo Venezia a essere minacciata dal maltempo. Fanno paura l'Arno e il Reno, nel Modenese in 10mila senza luce o gas
STATI UNITI
14 ore
Impeachment: «Bolton cercò di convincere Trump ad aiutare l'Ucraina»
È quanto emerge dalla deposizione alla Camera del funzionario al Consiglio per la Sicurezza Nazionale Timothy Morrison
FRANCIA
15 ore
I Gilet gialli irrompono nelle Galeries Lafayette, grandi magazzini evacuati
Il gesto, annunciato alla vigilia, era una dimostrazione simbolica contro quello che avevano definito «un tempio del consumo»
ARABIA SAUDITA
15 ore
Aramco: la valutazione al di sotto dell'obiettivo dei 2'000 miliardi
L'IPO, che si attesta attorno ai 1'600 miliardi, sarà quindi più bassa di quanto auspicato dal Principe
FOTO
ITALIA
16 ore
Acqua alta, buona parte di Venezia è sommersa
Dalle 12 Piazza San Marco è stata chiusa ai pedoni
STATI UNITI
12.06.2019 - 18:100
Aggiornamento : 22:31

Facebook: Zuckerberg sapeva delle pratiche dubbie relative alla privacy

Lo rivela il Wall Street Journal, citando alcune email appena scoperte

NEW YORK - Mark Zuckerberg sapeva dei problemi relativi alla protezione della sfera privata di Facebook, delle pratiche dubbie adottate. Le rivelazioni del Wall Street Journal sono una doccia fredda per il social media, intento a cercare di stringere rapidamente un patteggiamento con la Federal Trade Commission (Ftc), che da oltre un anno indaga su Facebook.

A far trapelare la possibilità che Zuckerberg fosse al corrente delle problematiche pratiche sulla privacy della società sono alcune email rinvenute da Facebook mentre raccoglieva la documentazione per rispondere alla Ftc. Email che da subito hanno fatto tremare Facebook per il possibile impatto sulla sua reputazione e l'hanno spinta a cercare di accorciare i tempi per un accordo con le autorità americane che indagano sullo scandalo dei dati di Cambridge Analytica.

L'inchiesta della Ftc verte infatti sul rispetto o meno da parte di Facebook del decreto consensuale del 2012, con il quale il social network si era impegnato a migliorare la sue politiche sulla privacy. In questo quadro si inseriscono le email rinvenute che sembrerebbero suggerire - riporta il Wall Street Journal - come Zuckerberg e i manager di Facebook non ritenessero prioritario il rispetto del decreto. Le email potrebbero complicare le trattative per il patteggiamento e mettere in difficoltà la difesa di Zuckbergerg, che sta opponendo resistenza all'ipotesi che possa essere ritenuto responsabile per i suoi 35'000 dipendenti.

«Abbiamo pienamente cooperato con le indagini della Ftc e fornito decine di migliaia di documenti, email e file. Continuiamo a lavorare con loro e ci auguriamo di arrivare a un'appropriata soluzione» afferma un portavoce del social media commentando le voci del Wall Street Journal. Facebook e i suoi manager, incluso Mark, si battono per rispettare sempre tutte le leggi e in nessun momento Mark o un altro dipendente di Facebook ha violato deliberatamente gli obblighi della società nell'ambito del decreto consensuale.

L'indiscrezione del Wall Street Journal mette sotto pressione i titoli a Wall Street, dove il social media arriva a perdere oltre il 2%. E segue il video falso su Zuckerbegr che parla di fake news. «Immaginate per un secondo: un uomo con il controllo totale di dati rubati di miliardi di persone, tutti i loro segreti e le loro vite» dice Zuckerberg nel video manipolato. «Devo tutto a Spectre. Spectre mi ha insegnato che chiunque controlla i dati controlla il futuro» dice ancora riferendosi all'organizzazione guidata dal «cattivo» Ernst Stavro Blofel nei film di James Bond. Il video emerge chiaramente come un falso ma alimenta il dibattito sull'informazione e su Facebook, per il quale rappresenta un test. Solo due settimane fa il social ha rifiutato di rimuovere un video manipolato della speaker della Camera Nancy Pelosi «ubriaca».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 05:55:31 | 91.208.130.89