Keystone
Per Bruxelles il rallentamento economico spiega solo in parte l'ampio gap nel rispetto della regola
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
EUROPA
05.06.2019 - 15:060

Ue: «l'Italia viola regola del debito, procedura giustificata»

Lo scrive la Commissione europea nel rapporto sul debito italiano

BRUXELLES - La regola del debito «non è stata rispettata nel 2018, nel 2019 e non lo sarà nel 2020, e quindi"è giustificata"una procedura per debito eccessivo»: lo scrive la Commissione europea nel rapporto sul debito italiano.

Per Bruxelles il rallentamento economico spiega solo in parte l'ampio gap nel rispetto della regola, e la retromarcia su alcune riforme pro-crescita del passato, come quella delle pensioni, e il deficit proiettato oltre il 3% nel 2020, rappresentano fattori aggravanti. Bruxelles si aspetta che il debito italiano salga sia nel 2019 sia nel 2020 oltre il 135%, anche a causa di un avanzo primario in discesa, e privatizzazioni non raggiunte, scrive la Commissione.

Nei conti italiani 2018 e 2019 c'è una «deviazione significativa dagli impegni presi con l'Ue, che non cambierebbe se l'impatto di bilancio del programma straordinario di manutenzione delle strade (0,18% del Pil) seguito al crollo del ponte Morandi e il piano per limitare i rischi idrogeologici dovuti al maltempo venisse considerato tra gli 'eventi eccezionali'» sostiene la Commissione.

«Sebbene restino limitati i rischi di rifinanziamento nel breve termine, il debito pubblico resta una grande fonte di vulnerabilità dell'economia italiana e "e nuove misure e il trend demografico avverso capovolgono in parte gli effetti positivi delle riforme pensionistiche del passato e indeboliscono la sostenibilità a lungo termine delle finanze, danneggiata anche dall'aumento dei tassi d'interesse dei titoli di Stato osservato nel 2018 e 2019», afferma l'esecutivo Ue.

Quest'ultimo raccomanda di usare le entrate inattese per abbattere il debito, spostare la tassazione dal lavoro e combattere l'evasione, specialmente l'omessa fatturazione, rafforzando l'uso di pagamenti elettronici e abbassando la soglia per i pagamenti in cash. Bisogna poi attuare pienamente le passate riforme delle pensioni per ridurre il peso di quelle di vecchiaia sulla spesa pubblica e creando spazio per altre spese sociali pro-crescita.

«L'inadeguatezza delle competenze nel settore pubblico limita le capacità di valutare, selezionare e gestire i progetti d'investimento. Questo mina anche l'assorbimento dei fondi Ue, dove l'Italia è in ritardo rispetto alla media dell'Unione. La qualità più bassa della governance nel Sud Italia limita seriamente la sua spesa e la sua capacità di elaborare politiche», scrive ancora la Commissione europea nelle sue raccomandazioni all'Italia, identificando le debolezze della Pubblica amministrazione, «soprattutto a livello locale, nella complessità delle procedure, la sovrapposizione di responsabilità e la cattiva gestione del pubblico impiego».

«Il miglioramento della capacità amministrativa è una pre-condizione per un uso efficiente degli investimenti pubblici e dei fondi Ue, con ricadute positive sugli investimenti privati e sulla crescita del Pil», continua l'esecutivo europeo spiegando che «tali miglioramenti potrebbero dare maggiore impatto agli investimenti nella banda larga, nei trasporti, nella gestione delle acque e dell'economia circolare, soprattutto nel Sud».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 19:03:42 | 91.208.130.86