Keystone
FRANCIA
05.06.2019 - 11:590

Fca-Renault, Le Maire: «Serve tempo»

Renault: spese sospette per 11 milioni, il gruppo denuncerà Ghosn

PARIGI - No alla fretta: il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, intervistato da BFM-TV, ha detto oggi che la fusione tra Fca e Renault non si farà «a qualsiasi condizione».

«Prendiamo il tempo di fare le cose per bene - ha aggiunto -, è un'operazione di grande portata, che punta a creare un campione mondiale dell'auto: nessuna precipitazione», ha avvertito nel giorno in cui è stata fissata una nuova riunione del consiglio d'amministrazione di Renault per studiare il caso.

Le Maire ha anche detto a chiare lettere che in caso di fusione vuole una sede operativa Fca-Renault in Francia. «Può essere una sede geografica che coprirerebbe l'interezza della Francia, dell'Europa e forse anche più. Perché un'azienda è un'incarnazione e avere una sede in Francia è un'incarnazione importante per i francesi», ha proseguito Le Maire, precisando tuttavia di non aver ancora ottenuto garanzie su questo punto.

Renault: spese sospette per 11 milioni, il gruppo denuncerà Ghosn - Renault intende querelare Carlos Ghosn, dopo le rivelazioni secondo cui l'ex numero uno del gruppo francese travolto dai guai giudiziari in Giappone avrebbe effettuato spese sospette per 11 milioni di euro attraverso una filiale comune con Nissan basata in Olanda.

Il ministro francese dell'economia, Bruno Le Maire, ha spiegato oggi che una denuncia verrà inoltrata dallo stesso gruppo Renault, di cui lo Stato francese è azionista al 15%. «Lo Stato - ha precisato Le Maire a BFM-TV - depositerà tutti gli elementi alla giustizia e ci sarà una denuncia. Spetterà alla giustizia decidere». E ancora: «Quando lo Stato è azionista di riferimento di un'azienda, come in Renault dove abbiamo il 15%, il suo ruolo è garantire che la sua governance funzioni bene».

Il Cda di Renault si riunirà nuovamente oggi nel quartier generale di Boulogne-Billancourt, alle porte di Parigi, per studiare l'offerta di fusione di Fiat-Chrysler, dopo la riunione di ieri al termine della quale ha evocato il suo "interesse" per la proposta.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 10:47:35 | 91.208.130.89