Keystone
+ 3
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
SERBIA
4 min
Kosovo: per la premier serba, il compromesso è l'unica soluzione
AUSTRALIA
39 min
Dieselgate: Volkswagen pagherà 86,5 milioni di franchi in Australia
SVEZIA
1 ora
H&M: le vendite del trimestre estivo battono le stime
ARABIA SAUDITA
1 ora
L'attacco ad Aramco è il peggior danno alla produzione di petrolio della storia
UNIONE EUROPEA
1 ora
Brexit: oggi il primo faccia a faccia tra Juncker e Johnson, che non chiederà un'estensione
IRAN
1 ora
Rohani, nessun incontro con Trump in agenda
FRANCIA
2 ore
Fiamme in casa di riposo: muore un centenario
COLOMBIA
3 ore
Piccolo velivolo precipita pochi minuti dopo il decollo: 7 morti
STATI UNITI / ARABIA SAUDITA
4 ore
Trump al fianco di Riad: «Pronti e carichi a reagire»
STATI UNITI
5 ore
Trovato senza testa e cuore nel '97: «Vorrei risolvere questo cold case prima della pensione»
STATI UNITI
14 ore
New York intende bandire le e-cig aromatizzate
Politica
15 ore
L'abbraccio di Pontida a Salvini, tra momenti "caldi" e critiche
MESSICO
15 ore
Orrore in Messico, almeno 44 cadaveri smembrati in un pozzo
SERBIA
16 ore
Tensioni e contestazioni al Gay Pride di Belgrado
STATI UNITI
16 ore
Cambiamento climatico: per il 56% degli americani bisogna agire «subito»
GERMANIA
14.03.2019 - 12:340

Dopo un 2018 in calo Audi punta tutto sull'elettrico

Parlando di «performance insoddisfacente» il marchio tedesco ribadisce la volontà di lasciarsi alle spalle il dieselgate

INGOLSTADT - Audi riparte. Si è aperta con questo slogan la conferenza annuale sui risultati finanziari 2018 del gruppo dei quattro anelli a ribadire, con fermezza, la volontà di lasciarsi alle spalle i problemi (e gli impatti negativi) del dieselgate e delle nuove omologazioni WLTP.

Quella che viene definita «performance insoddisfacente» nel primo anno dell'era post-Stadler (ora Audi Group è guidato da Bram Schot) è l'insieme della contrazione delle immatricolazioni totali (1,871 milioni contro 1,879 del 2017), della diminuzione dei ricavi, scesi da 59,789 miliardi di euro nel 2017 a 59,248 lo scorso anno, e soprattutto del calo del profitto operativo prima delle voci straordinarie, 4,705 miliardi contro i 5,058 del 2017 (-7,0%) con un profitto netto di 3,529 miliardi (era stato di 4,671).

Le ragioni di questo trend sono legate, oltre ai costi residui del dieselgate (800 milioni di sanzioni), all'impatto negativo sulle vendite generato dalla mancata disponibilità di auto con l'entrata in vigore delle norme WLTP e alla fase di sostituzione di molte linee di modelli concentrata proprio nel 2018. Il risultato operativo è così sceso da 4,671 miliardi a 3,529 con una diminuzione del 24,4%.

Una situazione certamente non favorevole ("non siamo affatto soddisfatti", ha detto Schot) che ha fatto scendere il ritorno sulle vendite al 7,9% (cioè al di sotto dell'obiettivo minimo dell'8%) e il ROI (ritorno sugli investimenti) al 10% (era stato del 14,4% nel 2017).

La previsione di Audi Group per il 2019 è cauta: «Sarà un anno di transizione - ha detto il CEO - anche perché dovremo confrontarci con la seconda fase delle omologazione WLTP. Ma ci siamo preparati». L'azienda si attende un moderato incremento delle consegne, anche per effetto di 20 lanci di modelli nuovi o rinnovati, tra cui gli importanti debutti delle nuove Audi elettrificate PHEV ed elettriche, come la e-Tron Sportback e il crossover Q2 L e-Tron riservato alla Cina. Audi prevede per il 2019 un ritorno sulle vendite compreso nella forchetta tra 7,0 e 8,5%.

L'azienda erogherà comunque un bonus ai dipendenti tedeschi qualificati di 3'630 euro e analoghi premi alle filiali estere.

KEYSTONE/EPA (LUKAS BARTH-TUTTAS)
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 11:23:51 | 91.208.130.86