keystone
CINA
26.02.2019 - 12:330

Huawei: «Noi non non spiamo, gli Usa invece possono farlo per legge»

Parola del chairman di Huawei Guo Ping che a Baracellona ha parlato di 5G a livello mondiale: «Dobbiamo lavorare insieme, in fiducia»

BARCELLONA - «Huawei non ha mai inserito e mai inserirà backdoor» che consentono attività di spionaggio, «né permetterà mai ad altri di farlo nelle sue apparecchiature». Lo ha detto Guo Ping, chairman a rotazione di Huawei, in un intervento al Mobile World Congress di Barcellona.

Il manager ha respinto le accuse di cyberspionaggio per conto del governo cinese lanciate dagli Stati Uniti, che al contrario - ha evidenziato - sono autorizzati per legge ad accedere ai dati delle persone.

«Huawei non ha mai inserito e mai inserirà backdoor. L'ironia è che l'US Cloud Act consente alle loro entità governative di accedere ai dati senza confini», ha detto Guo rispondendo alla campagna di boicottaggio Usa sulle reti 5G, aggiungendo che «Huawei è la prima azienda in grado di sviluppare reti 5G su vasta scala».

Parlando alla fiera catalana, organizzata dall'associazione globale degli operatori mobili (Gsma), Guo ha chiesto una regolamentazione certa e ha caldeggiato la collaborazione tra governi e operatori del settore.

«Per costruire un ambiente informatico sicuro per tutti, abbiamo bisogno di standard, abbiamo bisogno di una regolamentazione basata sui fatti e dobbiamo lavorare insieme», ha dichiarato Guo. «Per costruire un sistema di cui tutti possiamo fidarci, servono responsabilità allineate, standard unificati e regole chiare», ha aggiunto.

Guo si è detto «pienamente d'accordo con le recenti raccomandazioni» della Gsma: «I governi e gli operatori di telefonia mobile dovrebbero collaborare per concordare il regime di certificazione in Europa. NESAS (il Network Equipment Security Assurance Scheme) è un'ottima idea e consiglierei di estenderlo al mondo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 11:20:37 | 91.208.130.85