Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
59 min
Trovato senza testa e cuore nel '97: «Vorrei risolvere questo cold case prima della pensione»
STATI UNITI
10 ore
New York intende bandire le e-cig aromatizzate
Politica
10 ore
L'abbraccio di Pontida a Salvini, tra momenti "caldi" e critiche
MESSICO
11 ore
Orrore in Messico, almeno 44 cadaveri smembrati in un pozzo
SERBIA
11 ore
Tensioni e contestazioni al Gay Pride di Belgrado
STATI UNITI
12 ore
Cambiamento climatico: per il 56% degli americani bisogna agire «subito»
STATI UNITI
13 ore
Stati Uniti: l'attacco al petrolio saudita non favorisce l'incontro Trump-Rohani
TUNISIA
13 ore
Presidenziali tunisine: crolla l'affluenza
SERBIA
14 ore
Gay Pride di Belgrado: incidenti prima del corteo
ARABIA SAUDITA
14 ore
Produzione di petrolio dimezzata: Riad userà le riserve
STATI UNITI
14 ore
Ritrovati oltre 2'200 resti di feti in casa di un medico abortista
TERRITORI PALESTINESI
15 ore
Israele legalizza un avamposto in Cisgiordania
RDC
15 ore
Battello affonda nel Fiume Congo: 36 dispersi
CINA
16 ore
Il bando Usa a Huawei alla fine potrebbe favorire l'hi-tech asiatico
REGNO UNITO
16 ore
«Usciremo dall'Ue come farebbe Hulk»
STATI UNITI
17.01.2019 - 16:210

Facebook: il 74% degli utenti non sa che il social tiene la traccia delle preferenze

Più della metà degli utenti ha affermato di non essere a proprio agio con la pratica

NEW YORK  - Negli Stati Uniti il 74% di chi ha un profilo Facebook non sa che la piattaforma tiene traccia di scelte e preferenze per indirizzare messaggi pubblicitari privati. Lo afferma una ricerca del Pew Research Center, secondo cui metà delle persone "non è a suo agio" con questa pratica.

L'indagine è stata condotta su circa mille utenti a settembre 2018. Una volta mostrata loro la pagina 'ad preferences', cioè le preferenze pubblicitarie, la gran parte degli utenti ha trovato che il social aveva generato materiale sui propri interessi.

Nel 59% dei casi le categorie riflettevano gli interessi reali, mentre il 27% degli intervistati ha affermato che Facebook era stato poco o per niente accurato nel descriverli. «Una volta mostrato come la piattaforma classifica gli interessi - si legge - più della metà degli utenti (il 51%) ha affermato di non essere a proprio agio con la pratica».

Lo studio ha anche analizzato il gradimento degli utenti riguardo al modo in cui l'algoritmo aveva assegnato le preferenze politiche e l''atteggiamento multiculturale', sempre sulla base delle azioni compiute sui social. Nel primo caso il 73% degli utenti ha affermato che la categorizzazione era esatta, mentre per il 27% non lo era, mentre nel secondo era soddisfatto il 60% del campione.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 06:59:48 | 91.208.130.87