Fotolia
UNIONE EUROPEA
22.11.2017 - 13:060
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:05

Multa da 34 milioni per il cartello di airbag, volanti e cinture di sicurezza

Produttori giapponesi hanno stretto una serie d'intese illegali, ha stabilito l'Antitrust Ue

BRUXELLES - L'Antitrust Ue ha comminato una multa complessiva da 34 milioni di euro per il cartello delle cinture di sicurezza, airbag e volanti, stretto da una serie di produttori giapponesi.

Tokai Rika, Takata, Autoliv, Toyoda Gosei e Marutaka hanno partecipato da una a quattro intese illegali fissando prezzi e informazioni sensibili di mercato, danneggiando Toyota, Suzuki e Honda nell'area economica europea.

«Non accettiamo cartelli che impattano sui consumatori europei, anche se il cartello è organizzato fuori dall'Europa», ha dichiarato la commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager. Gli incontri dei vari cartelli sono infatti avvenuti principalmente in Giappone, ma tutti le tre case auto vittime dell'intesa illegale hanno stabilimenti produttivi nell'Ue, senza contare che un'auto su 11 venduta in Europa è giapponese.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-04-22 10:49:20 | 91.208.130.86