STATI UNITI
20.06.2014 - 19:090
Aggiornamento : 23.11.2014 - 08:08

Stupro a Central Park, New York risarcisce cinque neri

Accusati ingiustamente hanno passato dietro le sbarre dai 6 ai 13 anni

NEW YORK - Una broker di Wall Street stuprata mentre faceva jogging a Central Park, cinque teenager condannati per averla massacrata quasi a morte: un fatto di cronaca di 25 anni fa, quando Manhattan era una giungla violenta e Central Park un luogo da evitare soprattutto la notte. Oggi New York mette la parola fine sulla vicenda che ha ispirato l'anno scorso un documentario di Ken Burns ("Central Park Five") risarcendo per 40 milioni di dollari quei cinque ragazzi di colore - oggi uomini - incarcerati per anni e scagionati nel 2002, dopo che Matias Reyes, un "latino" in carcere per altri stupri, si fece avanti confessando di aver agito da solo.

 

Ma il caso di Yusef Salam, Antron McCray, Kevin Richardson, Kharey Wise e Raymond Santana, che all'epoca avevano tra i 14 e i 16 anni e in carcere ne hanno passati da sei a 13, forse è tutt'altro che chiuso. Secondo il Wall Street Journal, due medici che curarono la broker Trisha Meili subito dopo il ricovero sostengono adesso, sulla base delle lesioni riportate dalla donna, che Reyes non sarebbe stato l'unico colpevole delle violenze.

 

Il caso dei "Central Park Five" attraversa 25 anni di vita di New York: usato allora come sensazionale paradigma di una città selvaggia, invivibile e pericolosa, più tardi come simbolo delle ingiustizie del "racial profiling", in cui il colore della pelle rende un individuo immediatamente sospetto di atti di violenza. La confessione di Reyes è stata la base per l'azione legale da 250 milioni di dollari contro la città di New York intentata dai cinque per violazione dei diritti civili. Per un decennio l'amministrazione di Michael Bloomberg aveva contestato le affermazioni degli ex condannati che le deposizioni rese all'epoca erano state estorte con la forza, ma adesso il nuovo sindaco Bill de Blasio ha deciso di riparare il danno: "Un obbligo morale di correggere un'ingiustizia".

 

I "Central Park Five" sono in libertà dal 2002. Tra poco diventeranno milionari. Caso chiuso? In attesa che il tribunale e gli assessorati competenti ratifichino i pagamenti (un milione di dollari per ciascun anno passato in galera), due medici sono usciti allo scoperto con dichiarazioni che gettano un'ombra sulla soluzione del giallo. Le ferite riscontrate sulla Meili non corrispondono alla descrizione del delitto fatta da Reyes, hanno detto al Wsj Robert Kurtz e Jane Haher, all'epoca responsabili dei reparti di chirurgia intensiva e di quello di chirurgia plastica al Metropolitan Hospital. Sulle gambe della donna, gonfie all'inverosimile perchè piene di fluidi, erano impresse inoltre le impronte di molte mani, come se qualcuno avesse cercato di bloccarla mentre un altro la stuprava.

 

Negli anni Salam e gli altri hanno sempre proclamato la loro innocenza. La Meili non può aiutare a scoprire la verità ha perso la memoria. Il racconto dei medici non dimostra l'innocenza nè la colpevolezza dei cinque ma getta ombre sulla confessione di Reynes. Quest'ultimo, in carcere per altri delitti, non fu mai processato per lo stupro perchè il caso era caduto in prescrizione.

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-23 03:19:59 | 91.208.130.89