ITALIA
03.06.2013 - 17:210
Aggiornamento : 23.10.2014 - 03:32

"Sono indignato. Chi investirà ora in Italia?"

L'avvocato dell'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny commenta così la condanna a 18 anni al termine del processo Eternit

TORINO - "Sono indignato": questo è il primo commento dell'avvocato Astolfo Di Amato, difensore dell'imprenditore svizzero Stephan Schmidheiny condannato a 18 anni al termine del processo Eternit.

Il legale si riferisce al fatto che, tra l'altro, l'imputazione è cambiata più volte nel corso del procedimento. "Adesso - osserva - quale imprenditore straniero investirà in Italia? Schmidheiny investì molto sulla sicurezza, spese 75 miliardi dell'epoca e non ne ebbe profitto. Ora è stato condannato 18 anni. È un incentivo?".

Ai giornalisti che gli facevano presente che nell'Eternit bis la Procura sta meditando di contestare l'omicidio volontario, l'avvocato Di Amato ha detto: "Non ci meravigliamo più di nulla".

Ricorso in Cassazione - Schmidheiny ricorrerà alla corte suprema di cassazione di Roma, la più alta autorità giudiziaria italiana. È quanto ha annunciato in un comunicato il suo portavoce Peter Schürmann.

Gli avvocati dell'imprenditore svizzero, come detto, giudicano la sentenza di seconda istanza assurda, ingiusta e politicamente motivata. "Come già in primo grado, affermano, il tribunale è venuto meno al principio di presunzione di innocenza, trascurando le prove a discarico presentate dalla difesa".

Ats Ans

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-22 10:47:15 | 91.208.130.89