ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
AFGHANISTAN
50 min
Bombe e morti, torna l'ombra dell'Isis sull'Afghanistan
Sono almeno tre gli ordigni esplosi a Jalalabad. Il ritorno dell'Isis dopo il ritiro degli Stati Uniti?
STATI UNITI
2 ore
Miliardario colpevole di omicidio (dopo vent'anni)
Nel 1982 aveva ucciso la prima moglie. E nel 2000 la donna che l'aveva aiutato a coprire le tracce
ITALIA
2 ore
No-Green Pass in piazza, ora sognano il referendum
Anche questo sabato in Italia in molti hanno protestato contro la certificazione
PAESI BASSI
3 ore
Cani nel mirino dei malviventi
Il fenomeno si riscontra nei Paesi Bassi, dove le autorità invitano i proprietari a tenere d'occhio i quadrupedi
STATI UNITI
5 ore
Un flop a Capitol Hill
La destra americana si ritrova a sostegno degli assalitori del Congresso. Ma sono in pochi
STATI UNITI
11 ore
600mila bandierine bianche in memoria delle vittime del Covid-19
I familiari e gli amici dei deceduti hanno scritto messaggi di affetto
AUSTRALIA
12 ore
Scontri tra manifestanti e forze dell'ordine: 235 arresti
Quasi 200 le persone multate, una decina i poliziotti feriti
MONDO
13 ore
Il volto violento della moda
Un mondo solo apparentemente dorato, all'interno del quale si nascondono predatori sessuali
CINA
15 ore
Fumo in cabina, aereo per Parigi costretto a tornare indietro
L'aereo è rientrato senza troppi problemi a Pechino. Nessuno sarebbe rimasto ferito
ALGERIA
15 ore
Morto l'ex presidente algerino Bouteflika
Aveva 84 anni. Nel 2019 voleva candidarsi nuovamente, ma fu costretto a fare marcia indietro dopo le proteste
ITALIA
20.12.2012 - 21:190
Aggiornamento : 05.11.2014 - 23:00

Gravissime le condizioni di Provenzano, è in coma

L'avvocato chiede la sospensione del regime carcerario duro: "E' un costo inutile per lo Stato"

MILANO - Bernardo Provenzano è in condizioni disperate. Per i medici le possibilità che si svegli dal coma sono pochissime. E l'avvocato Rosalba Di Gregorio, legale del boss in cella dall'11 aprile del 2006, chiede la sospensione del regime carcerario duro.

"È un costo inutile per lo Stato - spiega - Al momento sette persone sono impiegate nella sua vigilanza in ospedale. Ed è dannoso per gli operatori sanitari e per i familiari che non hanno alcuna responsabilità".

Se il destino del padrino di Corleone sia o meno scritto, si vedrà nei prossimi giorni. Di certo il capomafia non risponde agli stimoli. Dopo l'ennesima caduta in carcere, è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale di Parma, dove è stato operato per un ematoma cerebrale. I medici hanno più volte interrotto le terapie con cui veniva tenuto in coma farmacologico, ma il boss non ha mai ripreso conoscenza. "È in coma 4 - dice il difensore - e non è in grado di respirare autonomamente". Ieri gli è stata fatta la tracheotomia.

Il figlio maggiore, Angelo, è a Parma da due giorni. Ieri, il ministro della Giustizia ha autorizzato la visita al padre. Pochi minuti sollecitati dai sanitari per vedere se il contatto col familiare avrebbe provocato una reazione nel paziente. Il test è stato negativo e sono meno del 10 per cento le possibilità che Provenzano non resti in stato vegetativo. L'incontro è avvenuto sotto la sorveglianza delle videocamere. Tutto ripreso.

Le condizioni del padrino di Corleone hanno reso impossibile ai periti incaricati dal gip di portare a termine le visite chieste dalla difesa per valutare la capacità mentale del boss che, per i parenti e l'avvocato, è ormai compromessa da mesi. La perizia, disposta nell'ambito dell'udienza preliminare sulla trattativa Stato-mafia in cui Provenzano è imputato, sara" depositata il 4 gennaio. E potrebbe comportare la separazione della sorte processuale del capomafia da quelle degli altri imputati.

La Procura di Palermo, intanto, continua a indagare su uno strano episodio accaduto in carcere il 12 maggio scorso al boss. Si parlò di tentativo di suicidio - un agente lo vide con un sacchetto in testa - ma il Dap ha smentito. Una simulazione? L'avvisaglia di uno stato mentale già compromesso? Su questo i magistrati hanno aperto un fascicolo di atti relativi, una sorta di accertamento preliminare per capire se ci si trovi davanti a un reato.

Due giorni fa nell'ambito di questa inchiesta è stato sentito il figlio minore del boss, Francesco Paolo. A lui, durante un colloquio in carcere, il padre avrebbe detto che lì qualcuno non gli voleva bene. L'accusa di maltrattamenti o una frase sconnessa? Il ragazzo, che insieme agli altri familiari, da mesi denuncia le cattive condizioni del padre non ha saputo rispondere.

Agli atti del fascicolo è finito anche l'interrogatorio a cui il capomafia è stato sottoposto il 31 maggio dai pm di Palermo: un tentativo di sondare la disponibilità a pentirsi di Provenzano seguito alla visita fatta in carcere al boss dall'eurodeputato Sonia Alfano e dal parlamentare Beppe Lumia. Nel colloquio, fatto di molte frasi sconnesse e di affermazioni a tratti criptiche, difficilmente potrebbero intravedersi spiragli di una collaborazione.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-19 00:35:11 | 91.208.130.89