Quella sterminata discarica di barili di DDT nelle acque della California
keystone-sda.ch (David Valentine)
Alcuni dei barili, fotografati durante la prima missione nella baia californiana, nel 2011.
+1
STATI UNITI
27.04.2021 - 13:410
Aggiornamento : 14:48

Quella sterminata discarica di barili di DDT nelle acque della California

Sarebbero più di 25'000 in fondo all'oceano e li ha scoperti l'Università di San Diego, ma ora nessuno sa bene che farne

SAN DIEGO - Più di 25'000 barili di DDT, inabissati sul fondale a largo della costa californiana e più precisamente non distante dall'isola di Santa Catalina, mecca per turisti americani e non.

A scoprire la «sconvolgente» quantità di materiale tossico, una serie di ricerche lungo l'arco di un decennio da parte del Dipartimento di Oceanografia dell'Università di San Diego. La svolta più recente è stata possibile grazie all'utilizzo di sofisticati droni subacquei dotati di sonar.

Il risultato, presentato qualche giorno fa, è una mappatura che comprende 27'345 fotografie di «oggetti simili a barili» in un'area sterminata di 36'000 acri, per una quantità di pesticida stimata fra le 320e 640 tonnellate.

Nel 2011 i primi indizi - I primi avvistamenti, riportano i media americani, risalgono a una decina di anni fa e riguardavano una sessantina di barili. Un nuovo ritorno sul campo, stimolato da una serie di articoli apparsi sulla stampa locale, ha permesso d'inquadrare la vera dimensione del fenomeno.

Si sapeva che nell'area interessata le industrie della California meridionale erano solite scaricare i loro residui, questo dal 1930 circa fino al 1972 e all'approvazione di una legge di tutela delle acque. Nessuno però poteva immaginare un tale scempio.

La vera grande sfida, ora, è capire come si potrà procedere: ipotizzare un piano di rimozione e smaltimento (nel caso siano ancora stagni) o rassegnarsi e fare la conta dei danni?

Stando agli scienziati - che sperano nell'azione delle autorità che per ora non si sono fatte sentire - la presenza di DDT negli organismi della fauna marina (come i leoni marini) è in aumento e strettamente legata a un sempre maggiore numero di tumori.

 

keystone-sda.ch (David Valentine)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-24 07:26:38 | 91.208.130.89