Keystone
Durante le proteste a Mosca, nell'agosto del 2019, furono arrestati (e poi condannati) diversi manifestanti.
RUSSIA
16.12.2020 - 11:120

Proteste non autorizzate, esce di prigione dopo 18 mesi

Konstantin Kotov era stato condannato inizialmente a 4 anni

MOSCA - L'attivista russo Konstantin Kotov è uscito dal carcere dopo aver scontato la condanna a 18 mesi di reclusione inflittagli in base alla tanto criticata legge che ha criminalizzato la semplice partecipazione a diverse manifestazioni non autorizzate.

Kotov, un programmatore di computer di 35 anni, era stato arrestato nell'estate del 2019, durante le proteste contro l'esclusione di numerosi politici d'opposizione dalla corsa elettorale per rinnovare il Consiglio comunale di Mosca. Le manifestazioni sono state represse dalla polizia con violenza e migliaia di fermi. Diversi dimostranti sono stati condannati a pene detentive ritenute da molti osservatori eccessive e a volte del tutto ingiustificate.

In primo grado, Kotov era stato inizialmente condannato addirittura a quattro anni, ma un tribunale di Mosca ha poi ridotto la pena a un anno e mezzo dietro le sbarre. Amnesty International lo ha dichiarato "prigioniero di coscienza".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 00:16:48 | 91.208.130.87