Keystone
CINA
26.10.2020 - 12:190

Per un focolaio in fabbrica, 5 milioni di tamponi

Il contagio in un'azienda tessile nello Xinjiang ha portato alla scoperta di 137 casi, tutti asintomatici

PECHINO - La Cina ha segnalato il più alto numero di nuove infezioni asintomatiche da coronavirus in quasi sette mesi dopo la scoperta di casi legati a una fabbrica di abbigliamento nella regione di nordovest dello Xinjiang.

Le autorità sanitarie ne hanno confermati 137, tutti resi già noti domenica, nell'ambito di una campagna per testare 4,75 milioni di persone nell'area di Kashgar, interessata da un'infezione asintomatica partita da una lavoratrice di abbigliamento di 17 anni, segnalata sabato.

Non è chiaro come l'adolescente sia rimasta contagiata, anche se l'agenzia di stampa Xinhua ha riferito che tutti i nuovi casi sono collegati a un'altra fabbrica di abbigliamento dove lavorano i genitori della paziente zero che, tuttavia, non erano risultati positivi al virus.

La vicenda dell'adolescente è stata scoperta durante i controlli settimanali di routine effettuati nello Xinjiang per quelli che la stessa Xinhua ha definito «gruppi chiave di persone», senza però fornire specificazioni a riguardo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 12:43:20 | 91.208.130.89