La pandemia non è finita in Europa, anzi: i contagi tornano a crescere in maniera allarmante
keystone-sda.ch / STF (Petr David Josek)
Preoccupa l'aumento dei casi di coronavirus in Europa.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
2 ore
CoP26, a Glasgow ci sarà Obama con Biden
Al vertice non prenderà molto probabilmente parte, stando alle anticipazioni, il presidente cinese Xi Jinping
FOTO
Italia
3 ore
Proteste contro il fascismo, «è un attacco alla dignità di tutto il Paese»
Centro-sinistra e sindacati chiedono che venga rivista la Costituzione italiana con nuove riforme
Regno Unito
3 ore
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
SVIZZERA
5 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
STATI UNITI
5 ore
Un viaggio di dodici anni a caccia di asteroidi
È stata lanciata la sonda Lucy che osserverà da vicino otto asteroidi
Indonesia
10 ore
Un terremoto a Bali fa tre morti
Diversi anche i feriti. La scossa si è verificata a 10 chilometri di profondità
STATI UNITI
10 ore
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
ITALIA/ISRAELE
20 ore
Eitan, ora la nonna denuncia la zia
Aya Biran Nirko accusata di «uso illegale» dei cellulari dei genitori di Eitan e di furto.
REGNO UNITO
21 ore
L'antiterrorismo guida le indagini sul deputato ucciso
Il killer avrebbe 25 anni e sarebbe, secondo il Daily Telegraph, «di origini somale».
GERMANIA
21 ore
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
23 ore
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
STATI UNITI
1 gior
Gli USA riaprono ai vaccinati
Le nuove norme legate ai viaggi entreranno in vigore dall'otto novembre
REGNO UNITO
1 gior
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
FOTO
NORVEGIA
1 gior
Kongsberg, l'arciere killer in custodia in una struttura medica
Il 37enne, che avrebbe ammesso le proprie responsabilità, sarà sottoposto a una valutazione psichiatrica
LE FOTO
ITALIA
1 gior
«No Green Pass!», «Libertà!», in seimila a protestare al porto di Trieste
Nonostante i disagi, per il momento le operazioni portuali proseguono, ha confermato il Presidente della regione
AFGHANISTAN
1 gior
Tre esplosioni in moschea, un'altra strage di sciiti
Un altro massacro tra i fedeli sciiti: la preghiera del venerdì è ormai nel mirino dei terroristi
MONDO
1 gior
Tumore al seno, un farmaco riduce di un terzo il rischio di recidiva
Si tratta della molecola "abemaciclib" abbinata alla terapia endocrina. I risultati di uno studio
MONDO
1 gior
Il mondo mostra il girovita: chi consuma troppo, chi nulla
Chi spreca cibo e chi non ne ha. L'impatto di Covid e tensioni politiche si fa sentire
STATI UNITI
1 gior
Uccise un'amica nel 2000, condanna a vita per il milionario Robert Durst
Vent'anni dopo il delitto, l'ormai 78enne è stato condannato al carcere a vita
KENYA
1 gior
Uccisione dell'atleta Agnes Tirop, arrestato il marito
L'uomo, unico sospettato dell'omicidio, stava tentando di lasciare il Paese. È stato arrestato a Mombasa
STATI UNITI
1 gior
Bill Clinton ricoverato per una sospetta infezione
L'ex presidente è stato sottoposto ad un trattamento antibiotico. Dovrà restare in ospedale ancora per qualche giorno
ITALIA
1 gior
Senza il Green Pass si prospetta un venerdì nero
Da venerdì in Italia per lavorare bisogna mostrarlo, sono previsti disagi e forse anche scaffali vuoti nei supermercati
Italia
1 gior
I turisti del reddito di cittadinanza che non parlano italiano, denunciati
Organizzavano viaggi in comitiva e permanenza in Italia per recarsi agli uffici postali a ritirare la carta prepagata
FOTO
NORVEGIA
1 gior
«È una persona gravemente malata»
Alcuni conoscenti raccontano la storia del 37enne danese, che ieri ha ucciso cinque persone utilizzando arco e frecce.
MONDO
2 gior
La lunghissima "lista nera" di Facebook
Nell'elenco ci sono più di 4'000 fra individui, gruppi e organizzazioni che i vertici del social considerano pericolosi.
GIAPPONE
2 gior
È boom di suicidi fra i giovanissimi giapponesi
Un rapporto rivela come nell'arco di un anno 415 ragazzi tra i 6 e i 18 anni hanno fatto ricorso al gesto estremo
LIBANO
2 gior
Le strade di Beirut si tramutano «in una zona di guerra»
La manifestazione contro il giudice a capo delle indagini sull'esplosione dell'estate 2020 è sfociata nel sangue
EUROPA
21.09.2020 - 13:110
Aggiornamento : 18:05

La pandemia non è finita in Europa, anzi: i contagi tornano a crescere in maniera allarmante

Contagi in netta crescita in Belgio, particolarmente colpita la fascia d'età tra 10 e 19 anni.

La Gran Bretagna rischia 50mila casi al giorno, ma si continua a escludere un secondo lockdown generalizzato.

BRUXELLES - Tra l'11 e il 17 settembre scorsi in Belgio i nuovi contagi sono stati mediamente ogni giorno 1196, il 62% in più rispetto alla settimana precedente. Nella sola giornata di lunedì 14 i nuovi casi sono stati 1717, una cifra che rappresenta un nuovo record. Particolarmente colpiti sono i giovani nella fascia di età tra i 10 e i 19 anni.

«Il numero dei contagi è due volte più alto di quello registrato nella seconda metà del mese di agosto», ha indicato un portavoce dell'istituto per la salute pubblica Sciensano nel corso di una conferenza stampa.

Regno Unito - Il Regno Unito potrebbe tornare a ottobre a un livello di 50'000 contagi da coronavirus al giorno (contro i 3900 di ieri) e di 200 morti quotidiani se il rimbalzo dei casi non verrà fermato ora. Lo hanno detto in un briefing i professori Patrick Vallance e Chris Whitty, consiglieri del governo di Boris Johnson, indicando la necessità di restrizioni sui contatti sociali in tutte le aree del Paese dove l'indice d'infezione Rt sia di nuovo superiore alla soglia 1.

Vallance ha pure additato gli esempi di Francia e Spagna, dove i contagi - più numerosi rispetto al Regno - sono riaumentati fra i ventenni per poi estendersi ad altre fasce di età e portare anche a una graduale ripresa dei decessi.

Messaggio d'allarme - Entrambi gli specialisti hanno tenuto a rilanciare un messaggio d'allarme rivolto direttamente alla popolazione, parlando della pandemia come di un'emergenza non risolta e di «un problema che deve coinvolgere tutti». Il tasso dei contagi è tornato a essere «significativamente elevato» in alcune zone del Regno Unito, ha ammonito Whitty, invitando il Paese a essere pronto a progressive nuove restrizioni sociali mirate.

Secondo Whitty, il numero dei morti giornalieri è ancora «relativamente basso», ma potrebbe risalire rapidamente a quota 200 se «la spirale dei contagi rimanesse incontrastata». Non solo: il consigliere medico numero uno del governo Johnson ha pure ammonito i britannici a «prepararsi a un inverno duro», sottolineando che l'elemento stagionale «è contro di noi».

«Andiamo incontro - ha spiegato - a stagioni come il tardo autunno e l'inverno che avvantaggiano i virus respiratori, incluso probabilmente quello del Covid oltre a quelli delle influenze» generiche. Uno scenario destinato a rappresentare «un problema collettivo nei prossimi sei mesi, sebbene non a tempo indefinito», ha proseguito indicando l'andamento della situazione in Francia e Spagna come un segnale preoccupante.

Whitty ha infine ricordato come «i tassi di mortalità da Covid-19 siano notevolmente maggiori rispetto a quelli dell'influenza stagionale, che uccide in media 7000 persone (nel Regno), 20.000 negli anni peggiori»; e che il coronavirus si è già dimostrato «più virulento di qualsiasi influenza».

La strategia del governo Johnson - Niente lockdown generale bis, ma restrizioni ulteriori sui "contatti sociali". È questa la strategia del governo britannico di Boris Johnson di fronte al rimbalzo dei contagi da coronavirus (tornati ad aumentare nel Regno Unito da inizio settembre, seppure per ora non al livello di Francia o Spagna), secondo le parole del ministro della Sanità, Matt Hancock, che in un'intervista a ITV ha escluso al momento l'intenzione di ripristinare limitazioni alle attività lavorative e alla scuola come accaduto in primavera.

«Vi sono evidenze che la diffusione non avviene tanto a scuola, quanto nella socializzazione fra le persone», ha detto Hancock, negando inoltre contrasti fra sé e il ministro delle Finanze, Rishi Sunak, sulla necessità di tenere a bada la pandemia. Entrambi siamo consapevoli «delle conseguenze economiche», ma anche del dovere di mettere «la salute al primo posto», ha tagliato corto. Il titolare della Sanità è poi tornato a smentire infine le voci mediatiche su un Boris Johnson provato, stanco e non ripresosi del tutto dal ricovero di aprile in terapia intensiva per il coronavirus. Il premier - ha ribattuto - «combatte, è in forma ed è pieno di vita vigoroso come non mai».

Si resta oltre i 4'000 casi nelle ultime 24 ore - Lo certificano i dati aggiornati diffusi dal governo britannico, secondo cui si registrano oggi altri 4'368 casi, poco meno del picco post-estivo di due giorni fa, mentre il numero di morti cala leggermente a 11 e il totale di ricoveri nell'intero Paese si conferma di poco sopra 1000.

I tamponi quotidiani sono invece 220'000 circa, il livello più alto in cifra assoluta in Europa, largamente superiore a tutti gli altri grandi Paesi del continente e secondo solo alla Danimarca in rapporto alla popolazione, fino a un totale che supera adesso i 18 milioni.

Domani intanto è stata convocata una riunione ad hoc del comitato di emergenza governativo Cobra dedicata alle prossime misure da adottare per cercare di fermare il rimbalzo di contagi sul nascere: riunione allargata da Boris Johnson ai capi dei governi locali di Scozia, Galles e Irlanda del Nord, come chiesto da loro e come confermato in una conversazione telefonica fra l'inquilino Tory di Downing Street e il first minister laburista gallese Mark Drakeford.

Vaccino, ma non prima del 2021- Le ricerche su diversi prototipi di vaccini anti-coronavirus stanno facendo «buoni progressi», con segnali positivi sulla possibilità di «generare una risposta immunitaria», ma «non sappiamo ancora se funzioneranno» in modo decisivo e - anche nella migliore delle ipotesi - non ci potrà essere per fine anno altro se non una produzione di dosi disponibili a limitati gruppi di persone.

Lo ha detto oggi durante un briefing sulla pandemia a Londra Patrick Vallance, consigliere scientifico capo del governo di Boris Johnson, sullo sfondo delle notizie dei giorni scorsi sulla ripresa dei test in particolare sul candidato vaccino Oxford-AstraZeneca, malgrado le patologie spinali denunciate da due dei volontari sottoposti al trial che alla fine sono state ritenute estranee alla sperimentazione.

«Non sappiamo ancora se i prototipi di vaccino funzioneranno, ma vi sono prove crescenti sul fatto che le ricerche stanno andando nella direzione giusta», ha detto Vallance. «È possibile che qualche vaccino sia in effetti disponibile entro fine anno per piccoli gruppi di certe categorie» di pazienti, ha proseguito, definendo tuttavia «molto più probabile, per quanto non certa», un'eventuale svolta «nel corso della prima metà» del 2021. Di speranze rinviate fondamentalmente all'anno prossimo ha parlato pure il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock.

Metà della Francia è zona rossa - L'allerta coronavirus è alta in Francia: 50 dipartimenti, ovvero più della metà del paese, sono stati dichiarati «zona di circolazione attiva del virus», ovvero zona rossa. I prefetti hanno quindi la possibilità di adottare misure supplementari, oltre a quelle emanate dal governo centrale, per frenare la diffusione del contagio.

Cambia il ministro della Salute in Repubblica Ceca - Sarà il plenipotenziario del governo per la scienza e la ricerca nel settore sanità Roman Prymula il nuovo ministro della Sanità ceco. Lo ha reso noto il premier Andrej Babis su Twitter.

«Ho proposto al presidente Milos Zeman il professore Roman Prymula per l'incarico del ministro della sanità. Il presidente ha promesso di acconsentire alla mia proposta, quindi il nuovo ministro potrà entrare in carica già domani», ha scritto Babis.

Prymula sostuirà Adam Vojtech che oggi ha annunciato le sue dimissioni, a causa degli sviluppi del coronavirus, che in Repubblica Ceca sta prendendo sempre più terreno. Il picco dei nuovi contagi è stato raggiunto giovedì scorso, con 3130 nuovi positivi in 24 ore. Oggi il dato è calato a 985, ma pesa l'effetto weekend.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
ni_na 1 anno fa su tio
Qualche settimana fa avete pubblicato un'ottima intervista a Martino Rossi. Parlava di incompletezza dei dati e enfatizzazione dei numeri. Lui assolveva i media, dando la colpa di una comunicazione carente ai governi. Ok, ma perché siamo ancora al punto di partenza se non peggio? Qui abbiamo solo il numero dei contagi. Test, quanti? Persone gravi e morti? Non si sa, devi cercarteli da solo, altrimenti farti bastare i termini generici: aumenteranno... Non fatico a crederlo ma... a Marzo sappiamo che i test si facevano malvolentieri. E perché mai? E ad aprile, maggio, giugno? E se fossero stati fatti a tappeto, cosa si sarebbe scoperto? Qualcosa che non si poteva o forse non si voleva scoprire? Qui le mani ce le laviamo, ma sarebbe bello poter dialogare seriamente. E levare qualunque possibile ombra, in un momento in cui la trasparenza è tutto.
ni_na 1 anno fa su tio
@ni_na Aperta parentesi: va detto che nell'articolo il numero dei test fatti nel Regno Unito è menzionato. Degli altri paesi non si sa, e non abbiamo termini di paragone chiari. Le mie domande restano aperte... Sicuramente sono dati che mancano, ma senza di essi, la confusione aumenta.
MrBlack 1 anno fa su tio
@ni_na Perché non si facevano test a tappeto in primavera? Ma sei serio/a o ci stai prendendo in giro con questa domanda?
MrBlack 1 anno fa su tio
@ni_na Ci sono i dati pubblicati da molti siti dei tamponi effettuati nelle varie nazioni. Guarda ad esempio corona-data.ch per l’Europa o worldometers.info per quelli di tutto il mondo. Nessun segreto...i numeri sono pubblici, non solo in UK
ni_na 1 anno fa su tio
@MrBlack Mi riferivo agli articoli che menzionano i contagi. Penso che molti di noi si informino anche grazie a questi articoli, e non abbiano tutti il tempo di consultare siti pieni zeppi di tabelle. Ma poi, sei tu che mi prendi in giro? Trovi serio che a fornirci quelle informazioni non sia un sito della Confederazione? Sui test in primavera, si sa che la ragione addotta fosse mancanza di attrezzatura, eccetera. OK, spero tu non ti offenda se questa spiegazione non mi va giù.
ni_na 1 anno fa su tio
@ni_na Visto che ho citato l'intervista a Rossi, concordo con lui che questo compito non può toccare solo al semplice giornalista... E nemmeno al primo smanettone che capita che mette in piedi un sito! Probst ha fatto un ottimo lavoro e ha un curriculum di tutto rispetto (stando a Twitter), ma non è sua la responsabilità. Per fortuna! Se per caso sbagliasse qualcosa, però, con chi dovremmo prendercela?
Fedeltà 1 anno fa su tio
..a me fa paura la fame non questa semplice influenza..
spank77 1 anno fa su tio
@Fedeltà .. Anche a me come a tutti fa paura la fame. Il coronavirus non mi fa paura, non essendo a rischio, ma non voglio per questo lasciargli la strada libera perché non è una semplice influenza, per il, ricordiamolo, 20 percento della popolazione ritenuta a rischio. Chi tira in ballo la fame del mondo, le altre gravi malattie, dovrebbe essere altruista...e pensare anche da questa parte della popolazione a rischio, ai suoi familiari e proteggerla come può, anche se e richiesto un po di sacrificio portando una scomoda mascherina e mantenendo una certa attenzione, almeno fino alla fine della stagione invernale
sedelin 1 anno fa su tio
se la smettessero di fare tamponi non conosceremmo il numero dei contagi, e sarebbe un gran bene!
ni_na 1 anno fa su tio
@sedelin Ben detto... Poi se ben ricordi, hanno iniziato rifiutandosi di farli a tutti... negando che fosse una strategia utile (negazionisti d'antan), per poi rifilarli a chiunque. Ci vorrebbe anche una bella spiegazione esaustiva della loro validità e del concetto di amplificazione, oltre a comunicare a chiare lettere come viene regolata (in altre parole: trasparenza for dummies).
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 18:18:31 | 91.208.130.85