keystone-sda.ch (Claudio Furlan)
ITALIA
26.03.2020 - 18:030
Aggiornamento : 18:53

Lombardia, «crescita significativa» di casi e decessi

Aumenta anche il numero delle persone guarite e dimesse nella regione

La crescita della provincia di Milano dovrebbe spiegarsi con l'aumento dei tamponi effettuati

MILANO - L'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera ha fornito gli ultimi dati legati alla pandemia di coronavirus in Lombardia.

«Purtroppo segnano una crescita, anche significativa» ha ammesso Gallera. I positivi sono 34889, più 2443 rispetto a ieri. I ricoverati sono 10681, più 655 rispetto alla giornata precedente. I ricoverati in terapia intensiva sono 1263, 27 in più di ieri. 

Alto il numero dei morti: 4861, 387 in più nelle ultime 24 ore. Cresce anche in maniera significativa il numero dei dimessi: sono 7839 complessivamente, 1501 in più di ieri.

I dati che riguardano la provincia di Milano sono quelli a cui prestare la maggior attenzione: sono 848 i nuovi casi, che fanno salire il totale a 6922. Gallera ha ammesso che «è un dato molto forte» ma che dovrebbe essere una conseguenza dell'aumento del numero di tamponi effettuati.

La Croce Rossa ha fornito 37 respiratori, che consentono da subito di creare altrettanti posti di terapia intensiva nel Milanese.

I dati nazionali - Sono 62013 i positivi in tutta Italia, come riferito nel punto informativo quotidiano della Protezione civile. Rispetto a ieri sono 4492 in più. Nella giornata di oggi si sono registrati 662 decessi e 999 guariti.

Sono 8165 le persone che hanno perso la vita dall'inizio dell'epidemia, mentre i guariti arrivano a quota 10361.

Morto un 26enne - Un 26enne, caposcout a Predappio, è morto a causa del coronavirus. Lo ha riferito il sindaco della cittadina romagnola. «È un terribile colpo per la nostra comunità. È la tragica dimostrazione che il virus non uccide solo gli anziani. I giovani, perciò, debbono stare molto attenti» ha commentato Roberto Canali. A quanto si apprende le condizioni del giovane sono improvvisamente peggiorate dopo che dalla terapia intensiva era stato spostato in un reparto di minore urgenza.

Assalto al supermarket - Un supermercato Lidl di Palermo sarebbe stato teatro di un vero e proprio tentativo di assalto da parte dei componenti di una ventina di famiglie. Dopo aver riempito i carrelli avrebbero cercato di andarsene senza pagare. All'interno dell'esercizio commerciale è scoppiato il caos ed è stato necessario l'intervento in forze di polizia e carabinieri.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-03 20:25:06 | 91.208.130.87