keystone-sda.ch / STR (ADAM S DAVIS)
+26
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Regno Unito
36 min
Accoltellamento David Amess, «è terrorismo»
L'uomo arrestato figurava tra le persone ritenute a rischio radicalizzazione
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera esclusa (in parte) dal turismo asiatico
Swiss non può volare a Singapore. Il motivo: non ci sono ancora abbastanza cittadini con due dosi di vaccino
STATI UNITI
2 ore
Un viaggio di dodici anni a caccia di asteroidi
È stata lanciata la sonda Lucy che osserverà da vicino otto asteroidi
Indonesia
6 ore
Un terremoto a Bali fa tre morti
Diversi anche i feriti. La scossa si è verificata a 10 chilometri di profondità
STATI UNITI
7 ore
No, l'ivermectina non cura il Covid. Ecco il perché
L'Infectious Diseases Society of America ha pubblicato un'infografica per far chiarezza. E il verdetto non lascia dubbi
ITALIA/ISRAELE
16 ore
Eitan, ora la nonna denuncia la zia
Aya Biran Nirko accusata di «uso illegale» dei cellulari dei genitori di Eitan e di furto.
REGNO UNITO
17 ore
L'antiterrorismo guida le indagini sul deputato ucciso
Il killer avrebbe 25 anni e sarebbe, secondo il Daily Telegraph, «di origini somale».
GERMANIA
17 ore
Non sei vaccinato? Non fai la spesa
In Assia ogni rivenditore potrà scegliere se far rispettare la regola del 2G o del 3G
REGNO UNITO
20 ore
«Sono scioccato, era un amico e un uomo gentile»
Il premier ha commentato l'aggressione che ha portato alla morte del suo collega di partito Amess
STATI UNITI
22 ore
Gli USA riaprono ai vaccinati
Le nuove norme legate ai viaggi entreranno in vigore dall'otto novembre
REGNO UNITO
23 ore
Essex, deputato accoltellato a morte da uno sconosciuto
David Amess, 69 anni, è stato colpito più volte dal suo aggressore. La polizia ha già arrestato un 25enne
FOTO
NORVEGIA
1 gior
Kongsberg, l'arciere killer in custodia in una struttura medica
Il 37enne, che avrebbe ammesso le proprie responsabilità, sarà sottoposto a una valutazione psichiatrica
STATI UNITI
27.01.2020 - 23:360
Aggiornamento : 28.01.2020 - 06:09

Da Los Angeles alla Cina, il mondo piange Bryant

Un fiume inarrestabile di omaggi ha coinvolto personaggi noti e gente comune

di Redazione
ats ans

WASHINGTON - Lo sgomento e il dolore per la morte di Kobe Bryant nello schianto del suo elicottero ieri, nel quale sono rimaste vittime anche la figlia tredicenne Gianna (astro nascente del basket femminile) e altre sette persone, provocano un fiume inarrestabile di omaggi. La polizia di Los Angeles annuncia che le indagini saranno lunghe, tra le prime ipotesi c'è quella della nebbia che aveva costretto gli elicotteri della polizia a rimanere a terra. Intanto gli Stati Uniti si commuovono anche per la piccola GiGi, un nome omaggio al passato italiano e un soprannome esplicito per la sua passione sportiva, Mambacita.

Ma è l'immagine di Kobe quella più vista e pianta, da Los Angeles alla Cina, passando per l'Europa. È un susseguirsi di omaggi al campione, è il mondo intero a piangere "Black Mamba". Testimonianze dal mondo dello sport, ma non solo. Dall'ex presidente degli Usa Bill Clinton al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, da Cristiano Ronaldo a Tiger Woods, dall'amico Jack Nicholson allo scrittore Paulo Coelho hanno voluto ricordare Bryant, da tutti salutato come "leggenda".

Le lacrime di LeBron James al ritorno dalla trasferta di Philadelphia parlano da sole. Le immagini lo ritraggono col cappuccio della felpa alzato e mentre con la mano si asciuga il viso. Proprio a King James l'ultimo messaggio di Kobe su Twitter, per congratularsi con LeBron che nelle ultime ore lo aveva scavalcato come terzo marcatore di tutti i tempi. «Per me era come un fratello più piccolo, gli ho voluto bene»: cosi' un'altra leggenda del basket, Michael Jordan, ricorda Bryant, dicendosi scioccato per quanto accaduto, e ricordando come Kobe era anche "un padre straordinario" con sua figlia Gianna, morta con lui nell'incidente.

Bryant è stato ricordato anche durante la premiazione dei Grammy's, gli Oscar della musica, allo Staples center, dove Black Mamba ha giocato tante partite con i Los Angeles Lakers mentre i Dallas Mavericks hanno deciso di ritirare la maglia numero 24 in segno di rispetto. A New York una delle fermate della metropolitana è stata rinominata Kobe Bryant Park. Subito dopo la notizia della morte invece, all'esterno del Madison Square Garden è stato installato un mega schermo in ricordo della star dell'Nba. E Reggio Emilia - dove Bryant ha giocato nelle giovanili - gli intitolerà una piazzetta.

«Kobe è stato un vero mito e fonte di ispirazione per molti. Riposa in pace leggenda» scrive Cristiano Ronaldo su Instagram. Tiger Woods si dice «scioccato e triste». «Ricorderò per sempre Kobe, aveva il fuoco dentro e il desiderio di spingere in ogni occasione i compagni al successo. Ha dimostrato di essere un campione in tutte le circostanze della vita. Era un esempio e sarà sempre nel mio cuore».

Nick Kyrgios si è presentato sul campo degli Australian Open prima della sfida con Nadal con la maglia dei Lakers numero 8, quella degli inizi di Bryant, mentre la giovanissima campionessa americana Coco Gauff ha scritto sulle sue scarpette rosa la dedica Mamba mentality e poi riposa in pace con i numeri storici del campione americano, l'8 e il 24. Anche l'altra tennista americana, Cathie McCally, compagna di doppio della Gauff, ha voluto ricordare l'ex atleta, scrivendo Kobe sulle scarpe.

«Quando pensiamo che tutto sia solido, c'è un grosso buco nel muro». Con queste parole in una rara intervista l'attore premio Oscar Jack Nicholson ricorda Bryant del quale era grande fan e soprattutto grande amico. «È stato un evento terribile - le parole di Nicholson che ha ricordato anche il momento in cui ha conosciuto Kobe - L'ho preso in giro la prima volta che ci siamo incontrati - ha detto a Cbs. È stato al Madison Square Garden di New York, gli ho offerto un pallone da basket e gli ho chiesto se voleva che lo autografassi per lui. Mi ha guardato come se fossi pazzo. Ci mancherà».

Anche lo scrittore Paulo Coelho si unisce a coloro che esprimono dolore per la scomparsa di Bryant. I due si conoscevano, e Coelho rivela oggi con un tweet che avevano un progetto comune, quello di scrivere un libro insieme. «Caro Kobe Bryant, eri molto di più di un grande giocatore - twitta lo scrittore brasiliano -. Dall'interagire con te ho appreso molto. Ora strapperò quelle bozze, quel libro ha perso la sua ragione di essere».

keystone-sda.ch (Ringo H.W. Chiu)
Guarda tutte le 30 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 14:54:52 | 91.208.130.86