keystone-sda.ch / STF (AHMED JALIL)
Gli Usa invieranno 750 soldati in Medio Oriente.
+1
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
3 min
Puntare tutto sui vaccini è «una scommessa un po' azzardata»
Per l'epidemiologo Antoine Flahault bisogna pensare a una strategia di "circolazione minima" del virus
UCRAINA / RUSSIA
1 ora
Ucciso un soldato: aumenta la tensione al confine
L'Ucraina ha annunciato una fatalità in seguito a un attacco: le ostilità sono in aumento
BRASILE
2 ore
Una nuova scultura di Cristo, più alta di quella a Rio de Janeiro
La statua è in costruzione a Encantado, e la fine dei lavori è prevista entro il 2022
IRAN
3 ore
«È un atto terroristico antinucleare»
L'agenzia atomica iraniana ha denunciato un «sabotaggio» alla centrale nucleare di Natanz
ISRAELE
4 ore
Pfizer «meno efficace» sulla variante sudafricana
È quanto indica uno studio di Tel Aviv, ma i risultati sono preliminari e vanno approfonditi
ITALIA
6 ore
Dramma nel torinese: spara a moglie e figlio e si barrica in casa
Quando gli agenti hanno fatto irruzione, l'83enne si è sparato: è in gravi condizioni
REGNO UNITO
6 ore
La Regina si confida: la scomparsa di Filippo ha lasciato «un vuoto enorme»
Il Principe Andrea ha riferito quanto gli ha comunicato la madre, definendola «incredibilmente stoica»
ISRAELE
9 ore
Israele ha raggiunto l'immunità di gregge?
Dopo un calo dei contagi del 97%, finita la campagna vaccinale, c'è chi lo ipotizza
UNIONE EUROPEA
9 ore
AstraZeneca, la lettera ultimatum (scaduta) di Bruxelles
Forniture ridotte e ritardi. La Commissione europea è ancora in attesa di risposte
CINA
10 ore
I vaccini cinesi meno efficaci del previsto
Pechino pensa a possibile soluzioni: cambiare dosaggio o mischiare i preparati
SAINT VINCENT E GRENADINE
10 ore
«Senza elettricità e ricoperti di cenere»
Un nuovo "evento esplosivo" ha scosso l'isola di Saint Vincent nelle scorse ore
REGNO UNITO
12 ore
Da domani gli inglesi tornano al pub
Londra allenta le restrizioni. Ma per la comunità scientifica la riapertura arriva in un momento ancora troppo delicato
STATI UNITI
01.01.2020 - 08:240
Aggiornamento : 09:21

Il Pentagono invia 750 soldati in Medio Oriente

È la rsposta ai «recenti eventi in Iraq»

di Redazione
Ats Ans

WASHINGTON - Il Pentagono invierà «immediatamente» circa 750 soldati aggiuntivi in Medio Oriente, «in risposta ai recenti eventi in Iraq». Lo ha annunciato ieri sera il ministro della Difesa statunitense Mark Esper, dopo l'attacco all'ambasciata Usa di Baghdad.

«Circa 750 soldati saranno schierati immediatamente nella regione» e «ulteriori forze» sono pronte per essere schierate «nei prossimi giorni», ha dichiarato Esper in un comunicato.

«Questo dispiegamento è un'azione precauzionale e appropriata in risposta ai crescenti livelli di minaccia contro il personale e le installazioni americane, come abbiamo assistito a Baghdad», ha affermato il ministro della Difesa americano.

In precedenza un funzionario americano aveva affermato che gli Stati Uniti hanno inviato 500 militari in Kuwait, vicino dell'Iraq, e che alla fine nella regione potrebbero essere schierati «fino a 4'000 soldati».

L'avvertimento di Trump - Il presidente statunitense Donald Trump, ieri sera, ha avvisato Teheran: «L'Iran sarà ritenuto pienamente responsabile delle vite perse o dei danni subiti da qualsiasi delle nostre strutture. Pagheranno un prezzo elevato! Questo non è un avvertimento, è una minaccia. Felice anno nuovo!», ha twittato.

Tuttavia, a chi chiedeva di una possibile guerra contro la Repubblica islamica, Trump ha risposto gettando acqua sul fuoco. «Non vedo la possibilità che accada», ha detto il presidente Usa, aggiungendo che «adora la Pace».

Attacco a Baghdad - Per il segretario di Stato Mike Pompeo, l'attacco all'ambasciata a Baghdad è stato opera di «terroristi» sostenuti da «alleati dell'Iran».

«L'attacco è stato orchestrato dai terroristi Abu Mahdi al-Muhandis e Qaïs al-Khazali e sostenuto dagli alleati iraniani Hadi al-Amari e Faleh al-Fayad», ha twittato il capo della diplomazia Usa. «Sono stati tutti fotografati davanti alla nostra ambasciata», ha scritto Pompeo allegando tre fotografie che mostrerebbero i quattro uomini.

Muhandis è un alto funzionario delle Forze di mobilitazione Popolare (Hashd al-Shaabi), una coalizione di paramilitari iracheni dominata da fazioni filo-iraniane accusata da Washington di un attacco missilistico che ha ucciso un americano in Iraq venerdì scorso. Fayad è il capo dell'Hashd al-Shaabi. Khazali è il capo dell'altra milizia sciita irachena Assaib Ahl al-Haq, accusata dagli Usa di essere responsabile di numerosi attacchi missilistici contro i loro interessi in Iraq. Amari è stato il ministro dei Trasporti iracheno tra il 2010 e il 2014 ed è a capo della potentissima organizzazione Badr, un'altra fazione filo-iraniana in Iraq.

Ieri, centinaia di manifestanti iracheni filo-iraniani hanno preso d'assalto l'esterno dell'ambasciata americana a Baghdad, cantando "morte all'America", lanciando sassi, abbattendo telecamere di sicurezza e dando fuoco a una torretta di guardia della sede diplomatica, per protestare contro i raid Usa sulle basi dei miliziani sciiti in Iraq che domenica hanno ucciso almeno 25 combattenti delle brigate di Hezbollah. Gli attacchi statunitensi sono stati a loro volta una risposta a un lancio di missili condotto dalle milizie sciite irachene filo-Teheran che aveva colpito venerdì una base con dei militari americani a Kirkuk. Nell'attacco era rimasto ucciso un contractor statunitense e erano stati provocati feriti tra il personale Usa ed i servizi di sicurezza irachena.

È la prima volta da anni che dei dimostranti sono riusciti a raggiungere l'ambasciata, sorvegliata da una serie di posti di blocco nella cosiddetta Green Zone.

Lacrimogeni sulla folla anche stamattina - Le forze di sicurezza a Baghdad hanno lanciato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti filo-iraniani che hanno trascorso la notte fuori dai cancelli dell'ambasciata americana. 

Dopo avere montato una cinquantina di tende e persino bagni portatili, centinaia hanno annunciato un sit-in davanti all'ambasciata fino a quando le forze statunitensi non saranno espulse dal paese. Stamattina hanno anche dato fuoco a bandiere degli Stati Uniti. In risposta, le forze di sicurezza all'interno dell'ambasciata hanno sparato gas lacrimogeni contro i manifestanti, molti dei quali sono rimasti feriti e sono stati portati via da ambulanze.

keystone-sda.ch / STF (AHMED JALIL)
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 23:18:10 | 91.208.130.89