Keystone (archivio)
Il bilancio è destinato ad aggravarsi.
BURUNDI
05.12.2019 - 17:500

Forti piogge e frane, almeno 28 morti in Burundi

Almeno nove Paesi dell'Africa orientale stanno vivendo precipitazioni più intense del solito per un fenomeno meteorologico che riguarda l'Oceano Indiano

di Redazione
ats ans

GITEGA - Sono almeno 28 i morti in Burundi per le frane causate da forti piogge e il bilancio delle vittime potrebbe salire, come riferiscono le autorità locali. Un funzionario del posto parla di 28 corpi trovati a Cibitoke, provincia a nord-ovest del paese africano. Fonti ministeriali confermano che dieci persone mancano all'appello e che ci sono dei feriti, di cui non si precisa il numero.

Esperti affermano che almeno nove paesi nella regione dell'Africa orientale stanno vivendo piogge più intense del solito per un fenomeno meteorologico che riguarda l'Oceano Indiano e che sta causando il rigonfiamento dei fiumi e, in alcune aree, inondazioni o frane.

Solo in Kenya e in Uganda sono morte almeno 130 persone. Secondo le ultime previsioni meteorologiche riportate da Bbc News Africa, sono attese due tempeste tropicali nella parte orientale del continente tra la fine della giornata di oggi e domani.

In particolare, una tempesta tropicale sta per approdare nella parte settentrionale della Somalia. Gran parte del paese del Corno d'Africa è generalmente asciutta, ma da settembre alcune aree della Somalia hanno registrato più del doppio della normale quantità di pioggia.

Le autorità hanno consigliato ai residenti costieri di evitare le zone basse. Piogge più intense del solito cadono anche nell'Etiopia meridionale, in Tanzania, Gibuti, Ruanda e gran parte del Sud Sudan.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 18:30:44 | 91.208.130.87