keystone-sda.ch/STR (Emrah Gurel)
TURCHIA
12.11.2019 - 17:390

Jihadista americano espulso resta "nella terra di nessuno"

È bloccato fra Grecia e Turchia, nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule

ISTANBUL - Resta nella terra di nessuno tra Turchia e Grecia il presunto jihadista americano espulso ieri da Ankara nell'ambito del suo piano di rimpatrio dei foreign fighter dell'Isis detenuti nelle carceri turche.

L'uomo, identificato come il 39enne Muhammad Darwis B., con passaporto anche giordano, risulta ancora nella zona cuscinetto lunga pochi metri oltre il valico di frontiera di Pazarkule, nei pressi della provincia turca di Edirne, dove ha già passato la notte scorsa dormendo in un'auto.

Secondo le autorità di Ankara, avrebbe rifiutato di essere rimandato negli Usa chiedendo di andare in Grecia, ma, come poi è emerso, senza il consenso di Atene. «Il terrorista americano di Daesh rimasto bloccato nella zona cuscinetto al confine con la Grecia non è un nostro problema, le espulsioni continueranno a prescindere», ha dichiarato stamani il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Le autorità americane hanno confermato di "essere a conoscenza" del caso di un loro cittadino detenuto da Ankara, senza tuttavia fornire dettagli al riguardo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 04:56:49 | 91.208.130.86