Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BOLIVIA
6 ore
Evo Morales esce ufficialmente di scena
Il parlamento boliviano ha ricevuto la sua lettera di dimissioni. L'ex presidente: «Con questa decisione voglio evitare la violenza e restituire pace sociale al Paese»
AUSTRALIA
7 ore
Qantas punta all’aviazione sostenibile
La compagnia australiana intende arrivare a zero emissioni entro il 2050
SPAGNA
8 ore
Sanchez vuole «un governo progressista». Rivera lascia
Il Psoe può affermare di aver vinto le elezioni, ma ancora una volta i 120 seggi conquistati non bastano per avere la maggioranza
GERMANIA
8 ore
Sempre più senzatetto in Germania
Sono 678'000 i cittadini tedeschi in difficoltà. 41'000 vivono in strada, gli altri sono sostenuti dallo Stato, da associazioni o ospitati da parenti
FRANCIA
8 ore
La scossa di terremoto blocca la centrale nucleare
Tre reattori della centrale di Cruas-Meysse saranno momentaneamente fermati e subiranno alcuni controlli precauzionali
ARGENTINA
9 ore
Bambina di dieci anni incinta del fratello
A causa di dolori alla schiena e alla pancia, ha appreso di essere all'ottavo mese di una gravidanza. Sarebbe stata violentata
ZIMBABWE
10 ore
La siccità ha ucciso duecento elefanti
Per evitare altre morti è previsto il trasferimento di seicento esemplari
STATI UNITI
10 ore
Bezos vuole prendersi una squadra di NFL
Il patron di Amazon ha di recente discusso con i proprietari dei Dallas Cowboys e dei Washington Redskins. Ma per ora nessuna franchigia è in vendita
POLONIA
11 ore
Bruciata la bandiera dell'Unione europea
È accaduto durante la Marcia indetta a Varsavia da varie organizzazioni nazionaliste radicali polacche in occasione della Festa dell'indipendenza
ITALIA
11 ore
Colpo al clan Messina Denaro, condanne per 150 anni complessivi
La condanna più pesante, 15 anni, è stata comminata a un capomafia di Partanna detenuto al 41 bis
CINA
12 ore
Alibaba, shopping dei "singoli" da record: 38,37 miliardi di franchi
Ci sono voluti appena 68 secondi per raggiungere un miliardo di dollari di spesa
IRAQ
12 ore
L'Isis rivendica l'attacco ai militari italiani
La rivendicazione è apparsa sull'agenzia ufficiale Amaq
SIRIA
22.10.2019 - 20:290
Aggiornamento : 21:07

Patto Erdogan-Putin, via i curdi dal confine

Una nuova tregua di 150 ore nel nord della Siria per allontanare le milizie curde da tutta la frontiera turca

ISTANBUL - Una nuova tregua di 150 ore nel nord della Siria per allontanare le milizie curde da tutto il confine turco. Pattugliamenti congiunti tra Turchia e Russia alla frontiera. Mantenimento del controllo di Ankara sull'area in cui ha condotto l'operazione militare Fonte di Pace, da cui i curdi hanno completato stasera il ritiro, alla scadenza dei cinque giorni del cessate il fuoco concordato da Turchia e Usa.

Dopo una maratona negoziale di quasi sette ore a Sochi, Recep Tayyip Erdogan annuncia un «accordo storico» con il suo «caro amico» Vladimir Putin: Ankara e Mosca «non permetteranno alcuna divisione del territorio siriano», mentre la Turchia potrà ottenere il definitivo allontanamento della «minaccia curda». «Una decisione significativa, che potrebbe essere una svolta nella situazione di confine tra i due Paesi», la definisce dal canto suo Putin. Di fatto, una spartizione in zone d'influenza.

Il memorandum in dieci punti prevede anzitutto che «lo status quo stabilito nell'area dell'attuale Operazione Fonte di Pace tra Tal Abyad e Ras al Ayn, con una profondità di 32 chilometri, verrà preservato». Erdogan si garantisce dunque che almeno per il momento non ci saranno interferenze del regime di Bashar al Assad nel suo piano per la creazione di una fascia di sicurezza lunga 120 chilometri.

«L'area che abbiamo messo al sicuro con l'operazione militare - ha ribadito stasera il presidente turco - potrà accogliere inizialmente un milione di rifugiati siriani e successivamente un altro milione» dei 3,6 milioni attualmente ospitati in Turchia. Il nodo più delicato riguardava il resto del confine dove sono presenti i curdi, a est e ovest dell'area attaccata dall'esercito di Ankara, che comprende località strategiche come Manbij e Kobane, la città simbolo della resistenza all'Isis.

«Dalle 12 locali di domani (le 11 in Svizzera) la polizia militare russa e le guardie di frontiera siriane entreranno nell'area di confine con la Turchia in territorio siriano, al di fuori dell'area dell'operazione militare turca, per facilitare entro 150 ore l'evacuazione delle milizie curde Ypg da un'area di 30 chilometri dal confine». «A quel punto», dopo questa fase di tregua, «Turchia e Russia condurranno pattugliamenti congiunti fino a 10 chilometri entro il territorio siriano». Resta esclusa Qamishli, la "capitale" dei curdi siriani, dove risiedono decine di migliaia di civili.

Il compromesso raggiunto stasera permette di fatto a Erdogan di sbandierare la messa in sicurezza dei confini e a Putin di fermare ulteriori offensive turche. L'operazione turca «cessa: tutto dipenderà dalla misura in cui saranno attuate le intese, comprese quelle per il ritiro degli armamenti e delle forze dei reparti curdi», ha confermato il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov.

Su queste basi, hanno sottolineato entrambi, tra una settimana i 150 membri della Commissione costituzionale - scelti nel quadro dei negoziati di Astana con il convitato di pietra di stasera, l'Iran - potranno sedersi al tavolo di Ginevra per iniziare a discutere il futuro assetto della Siria, nel rispetto della sua «sovranità territoriale e unità politica». L'intesa giunge dopo che Assad era tornato a farsi vedere sulla linea del fronte a Idlib. Dopo essersi fatto immortalare tra le sue truppe, il presidente siriano aveva lanciato parole di fuoco verso il leader turco, definendolo un «ladro» che «ha rubato fabbriche, grano e petrolio e oggi ruba la terra».

Mentre a Sochi si trattava, al confine proseguiva il frenetico ritiro delle milizie delle Forze democratiche siriane a guida curda. A confermarne agli Usa il suo completamento è stato in serata il comandante Mazlum Abdi, dopo che stamani Erdogan aveva parlato di circa 1'300 combattenti ancora presenti nella "safe zone", minacciando di riprendere se necessario «l'operazione in modo ancora più determinato». I «terroristi» che dovessero trovarsi ancora nell'area, ha avvertito la Difesa turca, verranno «neutralizzati». Si attendono ora le reazioni dei principali attori internazionali, a partire dagli Stati Uniti. La tregua strappata giovedì scorso ha retto e il segretario di Stato Mike Pompeo ha assicurato che se ora il cessate il fuoco diverrà definitivo saranno tolte anche le ultime sanzioni imposte da Donald Trump.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:53:14 | 91.208.130.85