ARCHIVIO KEYSTONE
Michele Zagaria al momento dell'arresto nel 2011.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BOLIVIA
6 ore
Evo Morales esce ufficialmente di scena
Il parlamento boliviano ha ricevuto la sua lettera di dimissioni. L'ex presidente: «Con questa decisione voglio evitare la violenza e restituire pace sociale al Paese»
AUSTRALIA
7 ore
Qantas punta all’aviazione sostenibile
La compagnia australiana intende arrivare a zero emissioni entro il 2050
SPAGNA
8 ore
Sanchez vuole «un governo progressista». Rivera lascia
Il Psoe può affermare di aver vinto le elezioni, ma ancora una volta i 120 seggi conquistati non bastano per avere la maggioranza
GERMANIA
8 ore
Sempre più senzatetto in Germania
Sono 678'000 i cittadini tedeschi in difficoltà. 41'000 vivono in strada, gli altri sono sostenuti dallo Stato, da associazioni o ospitati da parenti
FRANCIA
8 ore
La scossa di terremoto blocca la centrale nucleare
Tre reattori della centrale di Cruas-Meysse saranno momentaneamente fermati e subiranno alcuni controlli precauzionali
ARGENTINA
9 ore
Bambina di dieci anni incinta del fratello
A causa di dolori alla schiena e alla pancia, ha appreso di essere all'ottavo mese di una gravidanza. Sarebbe stata violentata
ZIMBABWE
10 ore
La siccità ha ucciso duecento elefanti
Per evitare altre morti è previsto il trasferimento di seicento esemplari
STATI UNITI
10 ore
Bezos vuole prendersi una squadra di NFL
Il patron di Amazon ha di recente discusso con i proprietari dei Dallas Cowboys e dei Washington Redskins. Ma per ora nessuna franchigia è in vendita
POLONIA
10 ore
Bruciata la bandiera dell'Unione europea
È accaduto durante la Marcia indetta a Varsavia da varie organizzazioni nazionaliste radicali polacche in occasione della Festa dell'indipendenza
ITALIA
20.10.2019 - 11:250

Arrestato un fedelissimo di Michele Zagaria

Vincenzo Inquieto tornava dalla Romania dove gestiva l'impero immobiliare creato per conto del boss dei Casalesi

NAPOLI - Vincenzo Inquieto, 51enne imprenditore ritenuto fedelissimo del boss dei Casalesi Michele Zagaria, è stato arrestato ieri sera all'aeroporto di Capodichino a Napoli dagli uomini della Divisione investigativa antimafia (Dia).

Tornava dalla Romania dove gestiva l'impero immobiliare creato per conto di Zagaria dal fratello Nicola Inquieto, arrestato nel 2018. Vincenzo Inquieto fu già fermato nel 2011 nel blitz che portò all'arresto di Zagaria. È accusato del reato di associazione per delinquere di tipo camorristico.

Vincenzo Inquieto ha curato e protetto per anni la latitanza di Michele Zagaria, ospitandolo in un proprio appartamento, e ha provveduto, secondo gli investigatori, anche a gestirne le relazioni esterne ricevendo ed inviando i pizzini di Michele Zagaria, interagendo inoltre con gli altri componenti della famiglia, in particolare con i fratelli del boss.

Un ruolo di fedelissimo quello rivestito da Vincenzo Inquieto, già emerso quando fu trovato nel covo di via Mascagni a Casapesenna (Caserta) dove il boss fu stanato il 7 dicembre 2011 dopo 15 anni di latitanza.

Condannato per favoreggiamento aggravato a 4 anni di reclusione, Vincenzo Inquieto fu stato scarcerato il 26 aprile del 2015 per aver scontato la pena; anche la moglie di Inquieto fu arrestata e condannata per aver favorito la latitanza di Zagaria.

Per la Direzione distrettuale antimafia di Napoli e per gli investigatori della Dia, la famiglia Inquieto avrebbe riciclato per anni i proventi del clan e dello stesso boss, investendo il suo tesoro illecito.

Nicola Inquieto, fratello di Vincenzo, fu arrestato nell'aprile 2018 nella cittadina romena di Pitesti, dove aveva creato un impero immobiliare investendo i soldi del clan; in quella circostanza gli furono sequestrati quasi quattrocento immobili per un valore di decine di milioni di euro.

Nicola Inquieto è stato di recente condannato a 16 anni di carcere ed è tuttora in carcere in Italia poiché in regime di consegna temporanea da parte delle autorità romene.

Anche un altro fratello, Giuseppe, fu arrestato per contiguità al clan di Zagaria ma poi assolto. Gli arresti non hanno però fermato gli affari degli Inquieto.

Gli investigatori della Dia hanno accertato che Vincenzo si era stabilito ormai in Romania per "sostituire" il fratello Nicola, ed era diventato il nuovo rappresentante della famiglia Inquieto.

Per anni, prima della cattura di Zagaria, il 51enne avrebbe inoltre usufruito della vicinanza al boss per accaparrarsi commesse di lavoro pubbliche e private con le sue aziende operanti nel settore edile, idraulico ed elettrico e della distribuzione del gas. Da un anno e mezzo aveva, dunque, stabilito la sede dei propri affari in Romania e raramente tornava in Italia.

L'indagine nei suoi confronti si è avvalsa di intercettazioni telefoniche ed ambientali - con la collaborazione del Nic della Polizia Penitenziaria - di accertamenti patrimoniali e bancari e delle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia. Quando è tornato ieri sera ha trovato ad accoglierlo gli uomini della Dia che gli hanno notificato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:44:47 | 91.208.130.85