keystone (archivio)
FRANCIA
09.10.2019 - 21:110

Voleva manifestare per il killer di Parigi, arrestato

Il militante è stato portato in cella con l'accusa di minaccia e intimidazione su pubblico funzionario e oltraggio

PARIGI - Aveva chiamato gli abitanti della banlieue di Parigi a manifestare, domani, per «ristabilire la verità» su Michael Harpon, il dipendente della questura di Parigi che giovedì scorso ha accoltellato e ucciso 3 poliziotti e una funzionaria. Hadama Traoré, militante antagonista a Aulnay-sous-Bois, a nord della capitale, fondatore del movimento "La Révolution est en marche" è stato posto stasera in stato di fermo, secondo Le Parisien.

Traoré è stato portato in cella con l'accusa di minaccia e intimidazione su pubblico funzionario e oltraggio. Il suo appartamento è stato perquisito.

Secondo Traoré, Harpon «non era un terrorista» e con la manifestazione voleva sottolineare come, secondo lui, fosse emarginato per il suo handicap dai colleghi. L'iniziativa mirava anche a denunciare «la disinformazione mediatica e politica» sulla strage del 3 ottobre in questura a Parigi.

Sui social network le reazioni erano state durissime, molti avevano chiesto il divieto di questa manifestazione, decisione presa oggi dal ministro dell'Interno, Christophe Castaner, che ha definito «infamia» l'iniziativa. Traoré, tirato in ballo, aveva corretto il tiro in giornata, affermando che la manifestazione era in realtà «un omaggio ai quattro poliziotti e uccisi a freddo».

Hadama Traoré è un personaggio noto in banlieue, per il suo movimento e le sue iniziative contro le violenze della polizia, la mancanza di alloggi, in favore del voto ai detenuti e contro il clientelismo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-28 08:54:33 | 91.208.130.89