keystone-sda.ch/STF (ALEXANDRE BIORET)
Continua a levarsi un denso fumo nero dalla fabbrica di additivi per lubrificanti di Rouen.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
EL SALVADOR
3 min
Amanda si abbatte su El Salvador, almeno 11 morti
La tempesta tropicale si sta ora spostando in direzione del Guatemala.
STATI UNITI
18 min
Proteste e lacrimogeni davanti alla Casa Bianca
Nonostante la notte di coprifuoco, i disordini sono continuati. Anche davanti alla residenza del presidente.
STATI UNITI
46 min
È morto Christo, aveva 84 anni
L'artista è noto in particolare per "The Floating Piers", la grande passerella galleggiante sul Lago d'Iseo.
ITALIA
10 ore
Scontro tra esperti: «Il Covid non esiste più». La replica: «Il virus circola ancora»
Le dichiarazioni del primario del San Raffaele di Milano suscitano scalpore: «Torniamo alla vita normale»
STATI UNITI
13 ore
Minneapolis: per il legale famiglia è omicidio premeditato
Secondo l'avvocato l'agente aveva l'intenzione di uccidere
ITALIA
14 ore
Coronavirus: in Lombardia 210 nuovi casi, in calo i decessi
Sono 33 le vittime nelle ultime 24 ore. Ieri erano state 67
STATI UNITI
15 ore
Crew Dragon si è agganciata alla Stazione Spaziale
L'aggancio è avvenuto alle 16.16, con un anticipo di tre minuti, e tutto è andato come previsto
STATI UNITI
16 ore
Minneapolis: trovato un corpo vicino a un'auto bruciata
Proseguono le azioni di protesta e denuncia in seguito alla morte dell'afroamericano George Floyd
VIDEO
STATI UNITI
19 ore
New York: SUV della polizia contro i manifestanti
Secondo il sindaco della città, gli agenti potrebbero non aver avuto altra scelta.
MONDO
20 ore
Coronavirus: superati i 6 milioni di casi nel mondo
Gli Stati Uniti continuano a essere il Paese più colpito per numero assoluto di contagi.
FRANCIA
26.09.2019 - 11:350
Aggiornamento : 12:58

Rouen, l'incendio non è ancora stato domato

Per due volte sono risuonate le sirene di allerta alla popolazione, c'è un rischio di inquinamento della Senna

ROUEN - Continua a levarsi un denso fumo nero dalla fabbrica di additivi per lubrificanti di Rouen catalogata "Seveso", dunque ad alto rischio, dove un incendio è divampato poco dopo la mezzanotte. Diverse persone sono state evacuate ma non si lamentano al momento feriti. Per due volte sono risuonate le sirene di allerta alla popolazione, invitata a rimanere in casa a Rouen e in altri 12 comuni limitrofi.

La fabbrica in fiamme è la Lubrizol, creata nel 1954, classificata "Seveso livello alto", il secondo su due della direttiva europea che recensisce i siti industriali pericolosi. Le fiamme divampano in uno stabilimento di stoccaggio merci e non di trasformazione dei prodotti, per questo le molecole depositate nei dintorni dalla densa nube nera - analizzate - non hanno evidenziato potenziali rischi.

«A bruciare sono degli additivi per olio e il risultato è impressionante, ma non c'è alcuna tossicità acuta sulle principali molecole esaminate», ha comunicato il prefetto della Normandia Pierre-André Durand dopo i primi prelievi. «Continuiamo a lottare contro il fuoco con un rischio di inquinamento della Senna per straripamento dei bacini di ritenzione», ha avvertito.

La «priorità delle priorità» dei soccorsi attualmente dispiegati per domare l'incendio è «proteggere le sostanze pericolose» per «evitare il rischio di un secondo incidente», ha dichiarato dal canto suo il responsabile dei pompieri della Seine-Maritime Jean Yves Lagalle.

Intervistato da radio RTL, il ministro dell'interno Christophe Castaner ha invitato la popolazione a «non entrare nel panico per questa situazione ma bisogna dar prova di grande prudenza». «Non ci sono elementi che inducano a pensare che ci sia un rischio legato al fumo», ha aggiunto. Sul posto sono impegnati «150 pompieri» per domare l'incendio. Mentre un'inchiesta dovrà chiarirne le circostanze.

Il sito era stato già teatro, nel 2013, di un incidente: la decomposizione chimica di una sostanza che aveva provocato una nube maleodorante percepibile fin dalla regione parigina a sud e dalle coste della Gran Bretagna a nord.

Incendio «circoscritto» - Le fiamme a Rouen, nell'incendio della fabbrica Lubrizol classificata ad alto rischio, sono «circoscritte», ma «non ancora domate». Lo hanno fatto sapere i pompieri sul posto. Il ministro dell'interno francese Christophe Castaner, giunto sul luogo, ha indicato che «alcuni prodotti sono stati portati via dal sito».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-01 09:00:07 | 91.208.130.89