ITALIA
12.09.2019 - 06:070
Aggiornamento : 07:13

Condanna all’ergastolo per femminicidio, c’è anche lo stalking

La madre della vittima: «Non mi ridarà Sara, ma aiuterà altre donne»

ROMA - È stato condannato all’ergastolo l’uomo che il 29 maggio del 2016 aveva ucciso l’ex fidanzata. L’aveva tramortita, strangolata e data alle fiamme nel quartiere della Magliana. In secondo grado lo stalking è stato riconosciuto come reato autonomo rispetto all’omicidio.

La madre della vittima, Sara Di Pietrantonio, che all’epoca aveva 22 anni, è soddisfatta: «Sara non me la riporta più nessuno, nemmeno dieci ergastoli - ha commentato -. Ma spero che tutto questo dolore e questa fatica possano servire per altre ragazze e quelle donne che si trovano in questa difficile situazione di stalking psicologico. La corte, riconoscendo lo stalking come reato autonomo rispetto all'omicidio e punendolo in presenza di una violenza invisibile, ha deciso oggi un qualcosa di storicamente significativo per chi si trova a vivere quello che ha vissuto Sara».

L'assassino, ex guardia giurata, era stato condannato in primo grado all’ergastolo. In appello la pena era stata ridotta a 30 anni, ritendendo il reato di stalking assorbito a quello di omicidio. La sentenza di ieri della Corte d’Assise d’appello ha aumentato la pena all’omicida.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-16 21:08:25 | 91.208.130.87