Screenshot Video KGW8
La tredicenne Kylee Dixon e sua madre Christina.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
19 min
Una pantera a spasso per i tetti di una cittadina francese
ISRAELE
26 min
Benny Gantz: «Sarò io il premier del prossimo governo di unità nazionale»
STATI UNITI
2 ore
Trump segnalato da uno 007 per una «promessa» a un leader straniero
FRANCIA
2 ore
Caccia belga precipita su un'area residenziale
AFGHANISTAN
2 ore
«Un drone americano ha ucciso trenta civili»
AUSTRIA
3 ore
L'Ocse lancia l'allarme sulla crescita mondiale
RUSSIA
3 ore
Dalla Jacuzia a piedi verso Mosca per "espellere" Putin: arrestato
STATI UNITI
4 ore
La Marina Usa conferma: «Ci sono stati fenomeni volanti non identificati»
CANADA
4 ore
Justin Trudeau sotto attacco per una foto con "brownface"
ITALIA
5 ore
Napoli: «ripetuto» il prodigio della liquefazione del sangue
AUSTRALIA / REGNO UNITO
5 ore
Londra mira a un accordo di libera circolazione con l'Australia
TUNISIA
6 ore
Naufragio al largo di El Aouabed, recuperati 3 corpi
REGNO UNITO
7 ore
Brexit, Johnson ha 12 giorni per presentare una proposta
STATI UNITI
7 ore
I big della tv americana dicono no agli spot sulle e-cig
ITALIA / FRANCIA
7 ore
Migranti, disgelo fra Conte e Macron
STATI UNITI
20.08.2019 - 19:210

Tredicenne malata di cancro, un giudice la obbliga a curarsi

La ragazza che soffre di un tumore al fegato aveva deciso di smettere con la chemioterapia affidandosi a terapie naturali. Ma un tribunale la obbligherà ad affrontare un intervento chirurgico

WASHINGTON - A 13 anni, malata di un raro cancro al fegato, dopo 6 mesi di terribili infusioni di chemioterapia, Kylee Dixon voleva usare solo terapie naturali, con olio di cannabis ed altri integratori: ma un giudice dell'Oregon ha sentenziato oggi che la ragazza deve seguire i consigli dei medici ufficiali. Ossia, subire un intervento chirurgico e affrontare nuovi trattamenti farmacologici.

La madre, Christina Dixon, che aveva appunto fatto sospendere le terapie tradizionali sulla figlia, ha perso la custodia di Kylee, affidata ora ad un familiare. Non potevo più vedere mia figlia soffrire sotto chemio - ha raccontato ai media di Portland la donna - «era come guardarla andare nella stanza delle esecuzioni».

La stessa Keely ha registrato un video toccante in cui implora le autorità di lasciarla seguire i trattamenti olistici e non costringerla ad altre sofferenze: «Sono nel braccio della morte per il cancro», ha dichiarato la tredicenne. Ma la contea in cui risiedevano mamma e figlia ha fatto causa per negligenza e danni all'adolescente. Ed il giudice ha dato ragione alle autorità locali.

L'opinione pubblica è divisa. In molti però sostengono la madre, accusando lo Stato di «rapimento di minore a fini medici».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 15:26:10 | 91.208.130.89