Facebook
La strada sarebbe stata riaperta poco dopo.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
UNIONE EUROPEA
17 min
«Il rischio di una Brexit no deal è reale»
ITALIA
1 ora
Bufera sul ponte Morandi, lascia l'ad di Atlantia
ITALIA
1 ora
Venezia, schianto mortale a sud della diga di San Nicolò
STATI UNITI
1 ora
Uccide tre presunti rapinatori adolescenti
STATI UNITI
2 ore
New York, semaforo rosso alle sigarette elettroniche aromatizzate
VENEZUELA
2 ore
Il Parlamento ratifica Guaidò presidente ad Interim
ITALIA
4 ore
«Sì, anche i migranti usano WhatsApp e le emoji»
ISRAELE
11 ore
Netanyahu senza maggioranza, Gantz avanti d'un soffio
ITALIA
12 ore
Renzi lancia "Italia viva"
SPAGNA
12 ore
La Spagna torna al voto
STATI UNITI
13 ore
Gli Usa fanno causa a Snowden per il libro
INDIA
14 ore
Scappa con l'elefante perché vogliono separarli, trovato dai giornalisti
STATI UNITI
14 ore
75 miliardi di dollari dalla Fed
CITTÀ DEL VATICANO
14 ore
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
15 ore
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ITALIA
20.08.2019 - 13:320

Frana del Ruinon, enormi massi sulla strada

La strada provinciale che porta al passo del Gavia era stata chiusa, ma avrebbe riaperto dopo poche ore

BORMIO - Sono immagini impressionanti quelle che arrivano dal comune di Valfurva (Sondrio). Nella notte sono caduti dei massi di notevole dimensione dalla frana del Ruinon, come testimoniato dalla immagini pubblicate dall’assessore Massimo Sertori. Colpita la strada provinciale 29 tra Sant’Antonio e Santa Caterina Valfurva, via che porta al passo del Gavia. 

Il tratto stradale era stato precauzionalmente chiuso. Lo scorso giugno geologi e i tecnici di Arpa avevano infatti rilevato dei movimenti nel mega-dissesto del Ruinon e avevano quindi programmando delle interruzioni della viabilità. Ma la strada avrebbe riaperto alle 7, rimanendo agibile fino alle 21: la tragedia potrebbe essere stata evitata solo per qualche ora.

L'accaduto, forse alimentato dalle forti piogge cadute nella notte, riaccende il grande dibattito che vede contrapposti tecnici e politici ai commercianti. Come ricorda LaRepubblica la ProLoco Turismo Valfurva, a inizio mese, aveva diffuso una dura nota dicendo di aver «pazientato fino ad ora, ma siamo molto preoccupati e arrabbiati per il protrarsi di questa chiusura che si ritiene esagerata. Sono ormai quaranta giorni che i vari tecnici e responsabili osservano tutto il giorno con cannocchiali il pendio e ogni tanto, a loro discrezione, chiudono la strada perché forse hanno visto un sasso rotolare. Nel frattempo, nell’arco di un mese, nessun sasso ha raggiunto la strada. Questa situazione rischia di protrarsi anche per tutto il mese di agosto, condizionando fortemente la stagione turistica. Danni di immagine ed economici incalcolabili che si protrarranno chissà per quanti anni futuri».

Santa Caterina Valfurva è ora semi isolata, è raggiungibile solo dal passo del Gavia. «La pista forestale d’emergenza che collega la frazione di S.Caterina a S.Antonio - ha spiegato il Comune - è transitabile solo dagli autorizzati per esigenze inderogabili e con mezzi idonei a trazione integrale. Alloggiati e/o proprietari di seconde case non possono transitare».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 10:03:01 | 91.208.130.86