keystone-sda.ch/ ()
Il travestimento che è quasi valso la libertà a Claudino da Silva.
BRASILE
05.08.2019 - 11:200
Aggiornamento : 13:37

Cerca di evadere travestendosi da... sua figlia

Il capo di una gang è quasi riuscito a farla franca

RIO DE JANEIRO - Ce l'aveva quasi fatta Clauvino da Silva, capo di una gang brasiliana incarcerato nel penitenziario di Gericino a Rio de Janeiro.

Il suo piano di evasione era assolutamente imprevedibile: nessuna guardia poteva pensare che quella ragazza che stava lasciando la struttura, dopo aver visitato il padre, fosse proprio il boss della malavita. Invece era così: indossati gli abiti della ragazza, occhiali, una parrucca e una maschera di silicone, da Silva ha superato vari controlli ma alla fine i secondini si sono insospettiti e l'hanno smascherato. A tradirlo, spiegano le autorità carcerarie, è stato il suo crescente nervosismo.

Il 42enne, pur di riconquistare la libertà, aveva deciso di "sacrificare" la figlia 19enne, che sarebbe rimasta dietro le sbarre durante il tentativo di fuga e avrebbe poi - com'è accaduto - dovuto rispondere di complicità. Le autorità carcerarie ritengono che quello di da Silvia sia stato «un atto di disperazione».

keystone-sda.ch/ ()
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 10:52:29 | 91.208.130.89