Deposit Photos
Paradisi da conservare.
ITALIA
19.07.2019 - 12:200

Spiagge depredate: scatta il rimorso, dopo 40 anni riporta la sabbia rubata

È accaduto in Sardegna dove l'imponente campagna dei volontari contro i furti di sabbia sta raccogliendo dei risultati

CAGLIARI - Quaranta anni fa, in vacanza in Sardegna assieme alla sua famiglia, aveva riempito di sabbia un sacchetto e lo aveva portato come souvenir a Roma. Oggi, dopo l'imponente campagna dei volontari contro i furti di sabbia, ha deciso di rimediare e riportare i chicchi bianchissimi dove erano stati sottratti, nella spiaggia di Is Aruttas nell'Oristanene. La storia è raccontata oggi sulle pagine della Nuova Sardegna.

«Stavamo completando un trasloco quando nella soffitta dei miei genitori ho trovato un sacchetto pieno di sabbia», racconta al quotidiano Lorenzo Guredda, romano figlio di emigrati sardi. «Non è molta, non credo che arrivi a superare i 500 grammi, ma quando l'ho vista ho subito capito da dove arrivasse e ho deciso di riportarla a casa».

«Credo che sia una pratica davvero pericolosa (l'asportazione della sabbia dai litorali, ndr) per gli ecosistemi marini. Quarant'anni fa non avevamo pensato a questo aspetto e abbiamo sicuramente commesso una leggerezza», conclude.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-25 10:06:14 | 91.208.130.85